Attualità

Minibot e oltre

Di questi tempi si è parlato e si parla di minibot; cercare di capire cosa sono in tre parole non è facile, pertanto indirizzo il lettore interessato a tutti i siti che ne parlano; a mio modesto avviso i “minibot” hanno un loro antenato storico nel famoso “assegnato” – assignat –  del tempo della Rivoluzione francese, un pezzo di carta garantito dall’ipotetica vendita del beni del clero, la cui confisca avvenne su idea dal “camaleonte” Talleyrand, che, alla fine, il Direttorio, ormai in periodo repubblicano, decise di distruggere con  le matrici che servivano a stamparlo,bruciando tutto pubblicamente; stessa fine fece il “mandato” – mandat – che, al corso dell’assegnato, succedette. Più ancora però il minibot ricorda un parallelo letterario: nella seconda parte del Faust di Goethe, il diavolo Mefistofele diventa consigliere imperiale e suggerisce al paradigmatico Imperatore del testo del grande poeta tedesco, l’emissione della carta moneta, garantita dai “tesori del sottosuolo”! Goethe era stato ministro delle finanze del granduca di Weimar e, probabilmente, più grande poeta che grande esperto di economia, era scettico sull’uso della carta moneta! In ogni caso, di tutto quello che si dice, che il “minibot” possa essere stato follemente concepito per uscire follemente dall’euro, mi sembra un’ipotesi plausibile! Comunque,il nostro amico Gianluca Valpondi,a seguito di un dibattito svoltosi a Radio Maria, ci ha inviato alcuni testi che ne trattano, tra cui una presa di posizione che pare assai favorevole, di Giovanni Maria Lazzaretti. Ai lettori il giudizio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: