Attualità

Savonesi in prima linea nel consorzio di tutela della birra artigianale

Nel 2018 il consumo di birra ha superato per la prima volta nella penisola i 20 milioni di ettolitri conquistando oltre la metà degli italiani. A rivoluzionare il settore è una domanda che è diventata negli anni sempre più raffinata e consapevole con una sempre maggiore attenzione per l’origine delle materie prime e la ricerca di varietà particolari. Si tratta di realtà molto spesso realizzate da giovani che sono i più attivi nel settore con profonde innovazioni che vanno dalla certificazione dell’origine a chilometri zero al legame diretto con le aziende agricole.
Contro la proliferazione di finte birre artigianali e l’omologazione dei grandi marchi mondiali, su iniziativa di Coldiretti è stato costituito il consorzio a tutela della birra artigianale “Made in Italy” che garantisce l’origine delle materie prime, dal luppolo all’orzo e la lavorazione artigianale. Tra i fondatori del consorzio, oltre a Teo Musso del birrificio agricolo Baladin, Marco Farchioni del birrificio Mastri Birrai Umbri, Vito Pagnotta del birrificio agricolo Serro Croce e Giovanni Toffoli della Malteria Agroalimentare Sud c’è anche un savonese, Giorgio Masio, del birrificio dell’Altavia di Sassello (nella foto il “team” dell’azienda). Il disciplinare del Consorzio per la tutela e la promozione della birra artigianale indica in tre fattori cardine i criteri da rispettare da parte del birrificio: indipendenza del birrificio, limite di produzione stabilita in un massimo di 200.000 ettolitri all’anno, integrità del prodotto che non deve essere sottoposto a processi di pastorizzazione o di microfiltrazione. La coltivazione del luppolo è stata oggetto di una azione di studio e coltivazione da parte del Cersaa di Albenga, il Centro sperimentale della Camera di commercio Riviere di Liguria, nell’ambito di un progetto dimostrativo. Gli obiettivi specifici del progetto realizzato da Giovanni Minuto e dai suoi collaboratori in collaborazione con la Coldiretti Savona sono stati rivolti a favorire l’incremento della produzione agricola e la creazione di posti di lavoro in campo agricolo e agro-alimentare attraverso la dimostrazione della possibilità di recupero e valorizzazione di varietà di luppolo esistenti in ampie aree dell’entroterra savonese e utilizzabili, in parte, per sviluppare il processo di birrificazione. Inoltre si è trattato di valorizzare un prodotto locale attraverso l’avvio di un processo di certificazione dedicata. Si tratta, infatti, di un ulteriore esempio di attuazione della filiera a Km zero, realizzata con la produzione agricola locale di luppolo e, in prospettiva, di orzo e frumento, assieme all’uso dell’acqua dell’alta Valle Bormida.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: