Attualità

Ex sede ferroviaria dopo il radddoppio Finale -Andora

La Provincia di Savona e i Comuni di Loano, Borghetto Santo Spirito, Toirano e Boissano hanno sottoscritto un’intesa rivolta a definire un tracciato di pista ciclabile nell’ambito della rete provinciale destinata a fare parte integrante di quella regionale e dell’itinerario tirrenico, rafforzando i collegamenti di mobilità sostenibile tra costa e immediato entroterra. Il protocollo d’intesa è finalizzato alla redazione di un progetto di fattibilità tecnico-economico contenente il progetto preliminare della pista ciclabile da utilizzare per i successivi approfondimenti progettuali e la partecipazione agli appositi bandi di finanziamento regionali e comunitari.

La novità dell’iniziativa è che viene abbandonata l’ipotesi fin qui sostenuta che il tracciato ciclo-pedonale dell’itinerario costiero per il tratto Finale Ligure-Andora, dovesse interessare la sede ferroviaria che sarà dismessa, chissà quando anche se ciò dovrà comunque essere fatto, con lo spostamento a monte della linea per Ventimiglia, prendendo atto che nonostante le Ferrovie abbiano predisposto il progetto definitivo “restano incerti i tempi per il finanziamento dell’opera e la sua realizzazione”.

L’indicazione che proviene dall’Amministrazione provinciale è di giungere alla definizione di un tracciato condiviso tra i quattro Comuni prevedendo soluzioni flessibili che potranno prevedere l’uso promiscuo pedonale-ciclabile degli spazi disponibili, quali le passeggiata a mare, la viabilità esistente, gli argini dei lungofiume. L’Amministrazione di Palazzo Nervi si impegna a finanziare la progettazione definitiva e la realizzazione dell’opera ed a aiutare i Comuni a trovare eventuali ulteriori finanziamenti. Per garantire l’omogeneità della progettazione e il rispetto dei tempi, la Provincia istituirà anche un tavolo di lavoro tecnico di cui faranno parte i rappresentanti di Loano, Borghetto Santo Spirito, Toirano e Boissano, con l’obiettivo di trovare un’intesa sul tracciato entro la fine dell’anno.

La Provincia non naviga nell’oro e farebbe bene a pensare ad altro, pur se l’idea è interessante, ma l’utilizzo della sede ferroviaria dismessa rimane preferibile, se no, un domani, anche non immediato, non si saprà, tra l’altro, che fare di essa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: