Attualità

Vendemmia in Liguria all’insegna dell’ottimismo

La vendemmia, in Liguria,inizierà quest’anno nella prima decade di settembre, con il levante leggermente in ritardo, prevedendo il picco della raccolta dalla metà del mese in poi. La quantità delle uve si conferma ottima e le produzioni DOC e IGP sosterranno l’export cresciuto del 13% nel 2018 rispetto all’anno precedente. Così si era espressa, ad inizio del mese, Coldiretti Liguria, in occasione dello stacco del primo grappolo di uva in provincia di Trapani, che inaugura simbolicamente l’inizio della raccolta lungo tutta la Penisola.

Il 2018, su base dati Istat, si è chiuso in Liguria con la produzione di quasi 80mila ettolitri di vino, dei quali il 65% risulta essere vino DOP (44mila ettolitri) e IGP (8mila). Alta qualità e capacità produttiva delle imprese locali spingono l’export delle bottiglie liguri che hanno fatto registrare un vero e proprio boom sul panorama internazionale, con le esportazioni cresciute del 13% tra il 2017 e il 2018 mentre, sul lungo periodo, dal 2012 ad oggi, si stima che le esportazioni hanno visto crescere il valore economico di quasi l’80%, e, pur se in quantità la produzione rimane ancora limitata per ovvie ragioni geografiche, in qualità non teme confronti. Preoccupazioni per il futuro potrebbe essere rappresentate dai temuti effetti della cosiddettaBrexit con l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, come la guerra commerciale che Trump ha minacciato di scatenare nei confronti dell’Europa con un aumento dei dazi fino al 100% del valore, che colpirebbero anche il vino italiano.

Si registrano positivi i consumi degli italiani, sempre più consapevoli e attenti alla qualità e all’origine, che sono pari a 37,5 litri pro capite all’anno con una spesa delle famiglie cresciuta del +6,5% in valore nel primo trimestre del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018, secondo elaborazioni Coldiretti su dati Ismea Nielsen.

“Per l’annata 2019 – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa –  a giudicare dai grappoli per pianta attualmente presenti, si stima un quantitativo minore di vino prodotto rispetto all’anno scorso, mentre la qualità si conferma ottima, attestando l’eccellenza dei vini della Liguria, apprezzati sul mercato nazionale e estero sia dalla ristorazione sia dai singoli consumatori.  Il successo del vino ligure  è da imputarsi, oltre alla qualità intrinseca del prodotto, anche al grande lavoro fatto da tutti i viticoltori che hanno scommesso sulla sua identità e avuto il coraggio di spingerlo sul mercato estero. La coltivazione della vite nella nostra regione viene condotta grazie ai tipici terrazzamenti su circa 2.000 ettari di terreno nei quali si producono vini  che vantano il fregio di ben 8 DOC (Golfo Tigullio / Portofino DOC, Colline di Levanto DOC, Cinque Terre / Sciacchetrà DOC e Colli di Luni DOC DOC Valpolcevera Riviera Ligure di Ponente DOC, Ormeasco di Pornassio DOC e Rossese di Dolceacqua DOC) e 4 IGT.”

In tale contesto stagionale la CIA, Conferazione Italiana Agricoltori di Savona, invita i viticoltori liguri ad un incontro pubblico che si svolgerà mercoledì 4 Settembre ore 16,00 presso l’Azienda Vitivinicola Cascina Feipu dei Massaretti Albenga, sita in Frazione Bastia Reg. Massaretti n. 7;  verrà presentato il PROGETTO DIMOSTRATIVO denominato “LIEVITI AUTOCTONI”, procedimento di isolamento, selezione ed utilizzo di lieviti da uve locali (in particolare Pigato) per favorire il miglioramento, sotto il profiloorganolettico,della tipicità delle produzioni enologiche del Ponente ligure.Interverranno in qualità di esperti e partnersdel progetto la dottoressa Paola MANERA, Enologo per la Ditta SINERGO Soc. Cooperativa Centro Studi Ricerche e Servizi per l’Enologia di Nizza Monferrato (AT) ed il dottor Enrico Tommaso Vaudano, ricercatore presso CREA Centro di Ricerca per l’Enologia di Asti.

Per maggiori informazioni è possibile contattare cia@albenga.it

Forse la vigna non ha da temere nulla dai cinghiali, che prediligono gli ortaggi e, fortunatamente, non si riscontra apprensione nel settore, almeno dalle notizie appena diffuse!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: