Attualità

“A bordocampo” Vado Real – Forte Querceta

Si parte dalla D. Prima di campionato con un clima da terzo girone dell’inferno. Come faranno questi ragazzi a correre per 90 minuti? La tensione è mischiata con la voglia di fare bene. Ovviamente per tutte e due le squadre. All’inizio il Vado ha un gioco che risente del fatto che i giocatori si conoscono poco. La paura di sbagliare la fa da padrone. Qualche occasione, ma niente di rilevante. Una bella parata di Illiante all’incrocio, quasi un campanello di allarme, ma niente di più. Un fallo di mano di un giocatore toscano non visto dall’arbitro. Io l’ho visto benissimo ma non conta. L’arbitro si rivolge spesso al guardalinee. Verso la fine del primo tempo gli chiede anche l’ora. Strano.
Purtroppo ricominciamo con le sceneggiate. Anche il pubblico rumoreggia con qualche giocatore del Real. C’è veramente un limite. Basta ragazzi. Giocate a pallone. Gli urli sovrumani dopo essere stati sfiorati non servono a niente. Gol del Real. Una doccia fredda, anzi calda. Ma il Vado invece di subire il colpo, reagisce con forza dimostrando un bel carattere che fa ben sperare per il prosieguo di stagione. Una grande occasione di Gagliardi respinta  dal portiere con l’aiuto del difensore. Peccato. Ma il pareggio arriva con un bel colpo di testa di Castaldo. Portiere battuto e il pareggio che rimarrà definitivo.
Risultato finale 1 a 1.
Se esistesse il risultato ai punti su base 100 chi vincerebbe? A mio giudizio il Vado con un punteggio di 60 a 40. Alla prossima…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: