Attualità

Il verde in città

Verde ne abbiamo poco, ma può aiutarci molto. L’Istat dice che ogni cittadino in Italia ne ha a disposizione 31mq, ma in molte città la quota scende a 19mq ed in alcune (16 città), scende addirittura a 9mq. Serve riportare il verde in città troppo cementificate, servono piante in strada le piante, specie le siepi, più sono vicine alle fonti inquinanti (auto), meglio adempiono alla loro funzione purificatrice. La sintesi clorofilliana è alla base della sopravvivenza delle piante e nostra assorbendo anidride carbonica in presenza di luce, liberando ossigeno in atmosfera. Parlando di piante in città, il nostro pensiero, va subito a parchi e giardini, invece ne possiamo mettere ovunque per strada, meglio combattere l’inquinamento ove si forma, sui tetti, sui balconi, persino sui muri. Ogni giorno, una pianta è in grado di produrre ossigeno per 2 persone Le piante hanno molte sensibilità; dormono, comunicano tra loro (sia pure in modo diverso da noi), hanno rapporti sociali, curano le giovani piante, soffrono sino a lacrimare (utile per cicatrizzare ferite), per le incisioni (cuori, nomi), si difendono dai parassiti. Di piante noi ne sappiamo poco. Per conoscerle bisogna saperle guardare, studiare. Interessante e pratico possono farlo tutti comodamente seduti in poltrona, osservando (ogni 20/30′) una piantina di fagiolo messo in un vaso, posto sulla scrivania , si potrà dire, parafrasando Galileo Galilei “eppur si muove” ha cambiato posizione, si è spostata un po’ per controllare situazione intorno a sé, in particolare la luce Le piante si spostano, si sono diffuse in ogni parte, hanno colonizzato la terra Il vento porta le sementi, l’uomo si porta le piante a lui utili. Tra l’altro hanno una resistenza, capacità di adattamento enorme, basti pensare che alcune piante vicine 300mt dalla esplosione atomica di Hiroshima, sono sopravvissute a una temperatura di 4000°. Le piante sono esempi di intelligenza, si difendono dai parassiti, non potendo spostarsi, producendo autodifese antiparassitarie. Il cocco invece se cade in un corso d’acqua o in mare, galleggia e trasportato dalle correnti, va a riprodursi lontano in altri lidi. In presenza di piante l’uomo vive più sereno, con meno depressione, stress, abbracciare una pianta rilassa, malattie varie Ci sono piante (foglie, fiori, linfa) per ogni disturbo. Sui tetti, sui balconi, persino sui muri abbelliscono, assorbendone l’umidità e conservandolo. Anzi sui muri hanno anche funzione di isolamento, cappotto termico, riparando in inverno dal freddo che vuol entrare ed in estate dal caldo. L’Enea (Ente Nazionale Energia), dice che sui tetti possono vivere molte piante (ovviamente serve perizia statica). I lavori si possono fare in tempi e a costi contenuti e in parte rimborsabili. Infine per irrigare il verde si può recuperare l’acqua piovana.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: