Attualità

Un piccolo predatore… La zanzara

La zanzara, questa famiglia di culicidi è poco documentata, pochi sono i reperti fossili; i più antichi rinvenuti risalgono al Giurassico inferiore. Ha abitudine di ronzare vicino orecchie., solo il rumore scatena una reazione sgradevole, di fastidio per il malcapitato, nel silenzio della notte. La zanzara nostrana in latino “culex”, entrava in caccia dopo il tramonto, ora quella “tigre”, importata da Asia e centro America, opera tutto il giorno, 6/10 persone non sopportano questi piccoli fastidiosi insetti Sono una maledizione biblica, trovano ovunque terreno fertile per insediarsi. Caldo umidità, acqua stagnante sono gli ingredienti ideali per la loro riproduzione. Caldo ma non troppo le zanzare, soffrono per l’eccessivo calore, diventano pigre, il loro naturale ciclo di vita addirittura si riduce da 4 a 2 settimane. Sopportano meglio l’abbassarsi autunnale delle temperature. Le zanzare trovano ampio spazio nella mitologia, nella narrativa, nelle canzoni, quanto nella cinematografia. Ad esempio Virgilio noto poeta romano, animalista ante litteram, dedica loro un poemetto intitolato “Culex”. Racconta la singolare storia di un pastore svegliato due volte da una zanzara: la prima pungendolo e viene istintivamente uccisa, la seconda in per rinfacciargli “svegliandoti ti ho salvato da una vipera e tu mi hai uccisa” Anche storie militari parlano di eserciti decimati e sconfitti, dalla malaria trasmessa da zanzare, per essersi accampati in zone acquitrinose. Le zanzare si nutrono di nettare e melata, liquidi zuccherini da cui sono soddisfatti i fabbisogni energetici. Esclusivamente la femmina, punge anzi in realtà morde, sono mangiato dalle zanzare, non è solo un modo di dire, morde con la bocca a forma di potente tenaglia, succhia sangue dopo averlo reso fluido con la sua saliva. Saliva che poi provocherà reazione e potrebbe lasciarci infezioni Succhiare il sangue non è legato a golosità alimentare, ma è elemento nutrizionale indispensabile per la procreazione, far maturare le uova. La zanzara sceglie le sue vittime, usando le sue antenne a mo’ di radar, anche a distanza di 70 metri in base al sudore e ph cutaneo Infatti alcune persone non sono punte altre pur punte ma non presentano reazioni, i più sfortunati presentano notevoli gonfiori, arrossamenti e prurito. Lotta alle zanzare Abolito il DDT, In natura, sono particolarmente attivi nei confronti delle larve gli Artropodi predatori e i Pesci, le libellule, i Rincoti cimici acquatiche, i Coleotteri e le specie che si alimentano di zooplancton. Nei confronti degli adulti sono invece sono attivi, gli uccelli insettivori e in particolare pipistrelli. L’attività di questi ultimi, crepuscolare e notturna, è notevole: un solo individuo può infatti divorare oltre 500 zanzare nell’arco di una sola notte Peccato che anche loro siano in forte diminuzione. Prevenire è meglio che combattere, pertanto sempre utili le vecchie zanzariere per protezione. Prediligono i vestiti scuri, neri perché vi si mimetizzano meglio . Per combattere le zanzare, sempre utili in una sorta di duello personale, la “racchetta elettrica” Invece vari repellenti (da evitare per bimbi sotto due anni) si possono chiedere al medico o al farmacista, mentre i rimedi della nonna sono: fiori di geranio, aglio, rosmarino bouchet di lavanda da porre negli ambienti, succhi di limone, aceto da spalmare sulla pelle Operazione da ripetere perchè di effetto limitato nel tempo. Dopo la puntura, evitare di grattare (sparge veleno e aumenta il fastidio). Per lenire il dolore mettere del ghiaccio sulla parte dolorante. Per consigli www.zanzaratigreonline.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: