Attualità

Sotto l’ombra Del chinotto – Appuntamento con la super sfida

Il giorno del derby tra le blasonate rivali Savona e Vado (a vittorie stiamo 25 a 5 per la prima citata) , come in tutte le altre realtà dove è il campanile a dominare la scena, è un giorno speciale. Lo si aspetta da tempo (ad essere onesti dal preciso momento in cui l’arbitro ha decretato la fine di quello precedente, vale a dire nove anni or sono, stagione 2008, 10 gennaio, terminato 1 a 1 con in campo tra gli striscioni Cristiano Giuntoli oggi ds del Napoli) ma coglie pur sempre impreparati. Perché il derby non è solo una partita, ma molto di più. E i tifosi delle due squadre coinvolte sanno bene cosa li aspetta: una giornata unica, da vivere col cuore in gola, sperando che il risultato alla fine sia quello sperato. Momento di celebrazione e di sfottò per ambo le parti, i cui effetti si trascinano ben oltre il triplice fischio, un derby può lacerare una famiglia, rovinare un’amicizia o al contrario risolvere un rapporto incrinato, aiutare a far pace. Di sicuro un derby non passa senza lasciare tracce, non solo in campo. Diceva Pasolini che il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. Se questo è vero un derby è la massima espressione della fede calcistica, un rituale ai suoi massimi.
Un derby come si suol dire è una competizione a sé. Non c’entrano i diversi budget dei club (in questo caso parrebbero favoriti i biancoblù), né le rispettive posizioni in classifica )anche in questo secondo caso insieme alle aspettative). Si potrebbe giocare, per usare un paradosso, anche se le squadre militassero in divisioni diverse. Per il lasso di tempo di novanta minuti quello che conta è solo una area geopolitica, sono i suoi abitanti-tifosi, divisi in due fazioni simmetriche ed opposte (non solo dal punto di vista sportivo). Per questo motivo spesso non si vedono di buon occhio quegli allenatori che prima di un derby parlano di “una partita come le altre”. Ma come?! Il derby è il derby, può far girare una stagione sportiva, cambiare la faccia ad un’annata storta, vendicare anni di sofferenze e di sgarbi. O l’esatto contrario. Certo quegli allenatori hanno le proprie ragioni per dire cose simili. Prima di un derby i giocatori non hanno bisogno di essere motivati: la pressione che sentono addosso potrebbe schiacciare un elefante. Un bravo allenatore allora cerca di stemperare gli animi dei suoi, per evitare inutili (e pericolose) crisi di nervi. Per un tifoso, però, il discorso è diverso: c’è ben poco da stemperare, il derby non è una partita come le altre, non lo sarà mai. La tensione comincia a farsi sentire ben prima del giorno del match. Ogni tifoso ha una sensibilità diversa: qualcuno entra nel “clima derby” soltanto pochi minuti prima del fischio d’inizio, qualcun altro ha le palpitazioni da almeno una settimana e solo l’idea di passare quelle due ore scarse incollato all’esito della gara gli fa venire i brividi.La settimana in via di conclusione ha riservato parecchi colpi di scena che rendono la partita Vado – Savona ancor più carica di significati. Sulla sponda del Letimbro si è reduci dalla debacle di Caronno, dal rinvio con la Fezzanese e dal derby ligure di Coppa perso ai rigori contro la Sanremese. Mister Siciliano ai già conosciuti problemi relativi al ritardo di preparazione e al gioco che stenta a trovare una sua quadra è alle prese con un presidente giustamente esigente, una tifoseria organizzata tornata a sperare e una piazza ambiziosa da soddisfare. Mister Tarabotto dal canto suo è planato in una categoria che lo vede esordire e deve dimostrare di possederne la caratura facendo i conti con infermeria e sanzioni disciplinari che ne hanno falcidiato il reparto difensivo. Non spetta a me fare pronostici : non mi compete, non mi diletta, non mi ci ritrovo. Mi avvalgo quindi della tripla e mi blindo in un confortevole “vinca il migliore”. Certo che se si pensa all’importanza del match, se si calcola l’attuale difficoltà di Rossini e compagni nel trovare la via del goal, se si può prevedere un atteggiamento dei rossoblù più guardingo rispetto alle ultime uscite, le distanze tra le due contendenti potrebbero affievolirsi in clima derby e far aumentare la percentuale di incidenza del singolo episodio. Staremo a vedere confidando che i circa 1100 che affolleranno lo stadio Chittolina possano godere di uno spettacolo degno di tale cornice.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: