Attualità

SSN (Servizio Sanitario Nazionale)

Sino ad oggi considerato nel mondo ad ottimo livello, rischia di entrare in crisi per due motivi: invecchiamento della popolazione che porterebbero a pensare ad un aumento di fondi, mentre invece nella realtà si parla di contenere tagliare per problemi di cassa. Infatti nel periodo 2010/2019 a fronte della necessità di un aumento del fabbisogno, la destinazione di fondi è passata da 37miliardi a 9miliardi essendo più difficile comprimere i fondi relativi a pensioni, debito pubblico. Prima conseguenza riduzione di personale del 9%, ed ora i nodi vengono al pettine; non si può superare il precedente indice di spesa e quindi niente aumenti contrattuali per stipendi e tanto vale anche per le borse di studio relative alle specializzazioni. Pertanto, chi può ricorrere al privato oppure finché può rinuncia a curarsi. A questo proposito errore le immissioni controllate ai Corsi Universitari, per mancata sincronizzazione tra MIUR e SSN, mentre mancano medici ed infermieri. Serve allinearsi agli altri Paesi Europei, evitando sprechi, omogeneizzando le spese tra le varie Regioni. Si deve poterlo fare. Per l’ammissione a Medicina si sta predisponendo un disegno di legge per test aperti a tutti, non solo perché test non collegati alla professione, ma anche per la carenza, prevista in 26.000 medici. Con la sola laurea, si possono fare solo supplenze Guardia Medica, Medici di Base, Guardia Turistica, Medico in Carcere. Forse verranno spostati al 2° anno, quando già esiste una selezione naturale per rinunce e questo anche per le altre facoltà. Questo nell’interesse di malati, giovani e medici. Per i rapporti con i medici di base (famiglia), forse erano più funzionali i tagliandi di vecchia memoria da consegnare ad ogni visita: il Medico ringraziava, mentre oggi pagato a forfait, sbotta, sei di nuovo qui!!! Si perdono anni in attesa di ammissione alla Facoltà, quanto per l’ammissione ai corsi di specializzazione, altro imbuto, dopo la laurea, per l’ammissione, ai corsi di specializzazione: (durata 4/5anni). All’ultima infornata di corsi, si sono presentati 17.595 candidati per 9000 posti. Sono previste borse di studio per 1652 euro/mese. Al termine, dopo19/13anni, il costo per lo Stato sarà di 102/128.000 euro, a seconda della durata del corso, con un compenso di circa 60 euro/h 8000 euro al mese, magari per doversi trasferire. Per il pubblico le liste di attesa pesano: per una visita si aggirano sino a 4mesi, mentre nel privato in convenzione 2mesi. Da una comparazione di dati tra Francia e Italia emerge: in Francia per 100.000 pazienti operano 155 Medici, in Italia sempre per 100.000 pazienti operano 88 Medici e quindi facile capire le liste di attesa lunghe. In Francia tra l’altro lo Stato, copre il 75% ed il rimanente, viene integrato dall’Assicurazione personale per un costo di 500 euro l’anno, spesa molto minore che non in Usa. A questo punto una valutazione merita la fuga di cervelli all’estero (Medio Oriente, Nord Europa), che certamente se messi in condizione operative valide, valutati i meriti personali e appianate le diversità tra Regione e Regione, in gara di corruzione e visite “intramoenia”, molti potrebbero tornare.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: