Attualità

E’ in rosa il primo futuro gruista di Apm

L’ente di formazione Isforcoop ha reso nota l’ attesa graduatoria semidefinitiva del bando per giovani disoccupati avviato d’intesa con la Regione Liguria nell’ambito del progetto “Welcome on board – Formarsi per competere”. I primi 20 in graduatoria, che sarà definitiva a seguito dell’esito positivo delle visite mediche, parteciperanno al corso di formazione per altrettanti operatori portuali che saranno addetti a manovrare gli “straddle carriers”, ovvero le cosiddette “gru a cavaliere” che si trovano già nel cantiere di Vado Ligure di Apm Terminals e saranno utilizzate per la movimentazione dei contenitori.

Al termine della formazione, Apm Terminals Vado Ligure garantisce l’assunzione di almeno il 30% di coloro che avranno ultimato con successo il percorso. Oltre ai primi 20 classificati sono stati individuati altri 10 giovani come “riserve” da cui attingere in caso di rinuncia da parte di qualcuno degli ammessi al corso. Da sottolineare che tra i primi 30 in graduatoria è presente una ragazza, Aurora, sola, in mezzo a uomini che, peraltro, si è classificata al primo posto nelle prove di selezione. Al bando si potevano candidare disoccupati fino a 29 anni di età non ancora compiuti al momento dell’iscrizione, residenti in Liguria e in possesso almeno di un diploma di scuola secondaria di secondo grado o di una qualifica triennale. Il corso avrà una durata di 240 ore, di cui 70 di stage in azienda.
A parte ohni altra considerazione, tra le quali la soddisfazione di poter annoverare tra i futuri grusti una “quota rosa”, sembra che il numero degli operatori portuali che saranno assunti da Apm si assottigli via via e che le prove e gli esami per poter far parte del gruppo non finiscano mai…i gruisti “licenziati” saranno alla fine un'”elite” superspecializzata per la quale anche gli “straddle” non saranno adatti, perchè troppo semplici!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: