Attualità

“Suicidio assistito” e “Dolce morte”

Trovo scandaloso e ridicolo tutto ciò che stiamo leggendo in questi giorni in merito alle polemiche che si stanno avvicendando sul tema del “Suicidio assistito”. Da cattolico convinto e praticante, rispetto molto il parere del nostro Papa Bergoglio che afferma, “La difesa della vita deve essere integrale”, ma dissento molto da tutto ciò, dal momento che sono estremamente convinto che ognuno deve essere padrone della propria vita e della propria esistenza e quindi, di decidere se continuare a vivere o no. Mi vien da ridere quando leggo frasi del tipo i medici esistono per curare le vite e non per interromperle. La medicina fa quello che può e ha dei limiti ben precisi. I medici, per quanto bravi possono essere, non hanno la bacchetta magica e sono costretti a dichiarare la loro impotenza. I medici cattolici fanno sapere che faranno “Obiezione di coscienza” e per me, sbagliano doppiamente: primo perché una volta che tutto questo diventerà legge, dovranno applicare quanto verrà deciso dalle istituzioni, secondo perché trovo assurdo e allucinante che i medici stessi debbano permettere le sofferenze al malato terminale. Ci siamo battuti per decenni per ottenere la libertà della persona e Libertà vuol dire anche e soprattutto decidere della propria vita, soprattutto quando il malato ha piena facoltà di intendere e volere, ha assoluto e pieno diritto di decidere se continuare a vivere oppure no. È da condannare colui che decide di far continuare a vivere una persona che sta soffrendo in modo incredibile e che preferisce lasciarlo in vita, con atroci sofferenze senza, che nessuno e niente possa fare qualcosa per lui. Mi chiedo con quale presuntuoso e arrogante diritto si debba decidere al posto di colui che, ormai, non ha più nessuna voglia di vivere. Ben venga la dolce morte e ben venga la libertà di vivere o morire. È delinquenziale pretendere di tenere in vita malati che ogni giorno soffrono pene infernali. Perché farli soffrire se si pensa che nulla è possibile fare per loro? Occorre, come dicevo, essere ben certi che il malato non sia stato raggirato o che qualcuno, per motivi di interesse personale, voglia decidere la morte del malato. Qualora medici e notai appurino le piene facoltà mentali del malato, solo a quest’ultimo resta la decisione finale. Tutti coloro che si oppongono al suicidio assistito potrebbero un domani, trovarsi nella condizione di questi malati. Vorrei davvero vedere cosa pensano della loro esistenza in certe condizioni. È vero che per il pontificato il tema della difesa della vita è fondamentale, ma la vita di certi malati non è più vita! Non mi piace e non accetto che certi malati debbano dipendere dalle decisioni altrui. Religione o medicina possono dare mille buoni consigli, ma…mai… decidere!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: