Attualità

Sotto l’ombra Del chinotto – No al tranquillismo, ma anche al pessimismo che induce alla resa

 

Può piacere o meno, ma quando parla chi come me dedica tempo, energie, approfondimento nell’analizzare quanto succede, ci sta che al gran final non si ci riesca a non mettere d’accordo pareri a volte anche discordanti. Anche perchè al di là delle banali frasi di circostanza per chi si muove costantemente alla ricerca della verità lo spirito critico  (aggiungo nel mio caso, costruttivo) non deve mai mancare, ed è superfluo e sterile quindi perpetuare nell’esercizio del mascherare un problema se quest’ultimo è sotto gli occhi di tutti, perché se c’è (eccome se c’è nel Savona ) va affrontato nel tentativo di risolverlo, magari partendo dal riconoscere gli errori fatti.Se nessuno può ritenersi soddisfatto di ciò che sta offrendo la tanto attesa squadra biancoblù, sia in termini di risultati che di prestazioni di gioco, se è evidente che non stia compiendo passi in avanti, se sembra non aver raggiunto ancora un’identità tattica auspicabile e c’è ancora tanta (troppa) confusione in campo, se ci sono giocatori fuori ruolo o non del tutto integrati, se esistono miriadi di situazioni da migliorare, qualche motivo ci sarà e dopo l’ennesima bruciante sconfitta in quel di Ponsacco contro il Real Forte Querceta per 2 a 1 (per la cronaca la quarta in 8 partite) pensiamo sia bene iniziare a sbandierarlo. Inevitabilmente si ritorna alla fase aurea quella delle premesse, per non dire delle “promesse”. Piaceva l’idea del subentro gestionale e organizzativo perchè lasciava intravvedere la possibilità concreta del rilancio. Questo ha fatto forse passare in secondo piano il lavoro di costruzione di un team affidabile e vincente. Dando piena fiducia al nuovo management si è entrati nell’ordine di pensiero che i vari Flory, Venneri, Tognoni e soprattutto Virdis venissero sostituiti con pezzi di artiglieria superiori di tasso cosa che possiamo tranquillamente sostenere in oggi dire che non sia avvenuta. Ribaltare completamente una squadra che seppur con i suoi limiti strutturali si era qualificata per i play surclassata solo dal Lecco superstar, senza prendere in considerazione l’ipotesi di ripartire dal buono salvabile per via via integralo e fortificarlo ritengo sia stato un errore strategico. Così come alimentare sogni di glorie e forti aspettative (tornare subito in Lega Pro e addirittura in tre anni arrivare in B) ha implicato automaticamente l’implementarsi del famoso snodo della “pressione della grande piazza” (e Savona vorrei ricordarlo, per tradizione, blasone e storia, lo è), per cui non si perdonano passaggi a vuoto a nessuno.In una piccola società ( non se ne risentano le altre) perdere o non giocare all’altezza per un certo periodo può venir tollerato o quantomeno messo in conto, al Savona no, soprattutto perchè dopo anni e anni in cui i tifosi continuano ad ingoiare bocconi amarissimi la soglia di tolleranza si è abbassata e questo rende il compito di qualsiasi tecnico (Siciliano docet) ancora più difficile, perché al minimo flop c’è polemica. Il Savona attuale non ha mai convinto più di tanto, a partire (e questo è inaccettabile) dall’attaccamento alla maglia. Non è un caso che sia arrivata l’eliminazione dalla Coppa ad proprio ad opera della rivale Sanremese e che abbia perso il sentitissimo derby con il Vado ( l’unico match finora vinto dai rossoblù). Fortuna vuole che l’intero girone A della serie D abbia subito un netto livellamento verso il basso e che quindi un filotto positivo possa riportare gli uomini del neo trainer De Paola in alta quota e magari intervenendo sul mercato a gennaio (è dall’inizio che sostengo che necessitino una prima punta da doppia cifra, un regista ed un centrale di alto profilo) provare la volata decisiva. Le reali possibilità si potranno capire già da questo mercoledì quando al Chittolina si recupererà la gara con il redivivo e ritonificato Bra (un fanalino di coda da prendere in assoluta considerazione perchè ha recentemente fatto fuori nientemeno che il Prato). Se il Savona giocherà con lo stesso atteggiamento visto in questo primo scorcio di stagione, non andrà lontano. E’ giunto pertanto il momento di fare sul serio, di mettere da parte alcune convinzioni che per ora non hanno reso e cercare a tutti i costi di svoltare. Si tratta della classica occasione da non perdere.Ancora una volta l’invito è a rimanere tutti compatti per centrare l’obiettivo.Bando ai mugugni quindi. Il “sentiment” generale deve essere ispirato alla prova d’appello da concedere e da non sbagliare. Il Savona dovrà stare attento in difesa (basta distrazioni, cadute di concentrazione e soprattutto esperimenti : leggasi Castellana centrale o Fricano terzino) dare qualche certezza in più in mezzo ( dove comunque sia manca l’ispiratore della manovra : cercasi verticalizzazione) e soprattutto fornire una gara d’orgoglio. I tifosi, la città, l’ambiente lo meritano.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: