Attualità

Vado: nuove strade “sbarrate” per motivi ambientali

L’allarme generale sulla situazione logistica e viaria che rischia di fare della piattaforma contenitori di Apm Terminals una “cattedrale nel deserto”, è scattato alla fine di settembre, quando l’Autorità di Sistema Portuale ha comunicato al Comune di Vado Ligure di “non poter adempiere agli impegni assunti” nella convenzione sottoscritta con lo stesso Comune e con l’Interporto di Vado Intermodal Operator, per la realizzazione della viabilità alle spalle del porto e dei nuovi varchi doganali, nelle aree comprese tra il Molo 8.44 e i magazzini del Vio.

Nel corso dell’esecuzione dei lavori per realizzare i varchi portuali, avvertiva l’Autorità, a causa dell’imprevisto rinvenimento di manufatti e materiali interrati, si sono verificati dei ritardi nell’esecuzione delle opere, rendendo necessaria – tenuto conto dell’ormai imminente apertura del “gate” portuale – l’anticipata presa in consegna del fabbricato dei varchi rispetto al completamento dei lavori.

Inoltre l’iter autorizzativo del progetto del nuovo asse viario di via Trieste, tra il centro commerciale Molo 8.44 e alle spalle del raccordo ferroviario portuale, ha subito una sospensione a causa di problemi ambientali legati ai terreni e alla falda idrica. Per superarli è stata avviata una procedura amministrativa con conseguente ritardo nei tempi di progettazione ed esecuzione.

E’ stata così concordata una revisione della convenzione originaria modificando le parti relative al cronoprogramma delle opere e alla gestione provvisoria della viabilità, in attesa del completamento dei lavori, ora ipotizzato per l’ottobre 2022, perché vincolato alla conclusione dell’iter amministrativo previsto per il febbraio 2021. Nella nuova convenzione è stata inserito l’impegno dell’Autorità Portuale a realizzare e gestire un parcheggio pubblico per mezzi pesanti all’esterno della cinta doganale (tra i varchi, il Molo 8.44 e la bretella stradale che porta all’Aurelia bis), per una superficie complessiva di circa 6.130 metri quadrati, dove potranno sostare 33 autotreni, in aggiunta ai 21 posti disponibili nel park in area doganale, immediatamente a ridosso dei varchi portuali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: