Attualità

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia -Il passaggio dalle Scuole Medie alle Superiori

Tutti sanno che quando si tratta di cominciare le scuole superiori, si è sempre un po’ ansiosi, preoccupati e pieni di dubbi, o almeno, occorrerebbe esserlo visto che arroganza e supposizione spesso non pagano. Il passaggio dalle scuole medie alle superiori è infatti un punto interrogativo continuo: “Chi avrò come compagni di classe?”, “Chi saranno i miei professori?”, ” Sarò all’altezza?“, “Ho fatto la scelta giusta?”, “Ce la farò a studiare le nuove materie?”.” Mi sento pronto?”. A pochi mesi dall’inizio dell’avventura in serie D della neopromossa Vado Fc (gestione tecnica Tarabotto Luca), sono già molte le risposte che si possono dare a queste domande.E questo perchè, così come dalle medie alle superiori, le differenze sono tante e si sentono, anche tra Eccellenza ed Interregionale le cose cambiano: il livello degli studi (pardon delle partite e degli allenamenti) aumenta, cambia il gruppo classe ( rapporti interni, dinamiche, leadership) e i professori diventano molto più esigenti. Alle superiori bisogna studiare molto di più e molti studenti entrano in crisi perché non riescono a far fronte alla mole di compiti da fare e di testi da imparare. Si passa dal leggere massimo 5 pagine per il giorno dopo, a preparare (nel vero senso del termine) interi e interi capitoli! È del tutto normale, quindi, che i ragazzi ci mettono un pochino in più per abituarsi a questo student style, ma alla fine con il tempo( speriamo vivamente che per i rossoblù ci sia) e gli aiuti giusti ( a buon intenditore poche parole), si ce la può fare! La sfida Vado-Verbania, andata in scena domenica al “Chittolina” e terminata con la vittoria per 2 a 0 dei piemontesi ospiti (terza sconfitta consecutiva in questo caso pesantissima) riporta a bomba al tema proposto dal titolo dell’articolo.Perchè come ci sono ragazzi che sanno affrontare al meglio questo cambiamento, che hanno già un metodo di studio che gli permette di apprendere più facilmente, ve ne sono altri invece che si trovano in difficoltà e i risultati vanno di conseguenza. Non possiamo ancora parlare di bocciatura visto che l’anno scolastico ( chiedo scusa, calcistico) è ancora lungo ma pare evidente il gap da colmare ed il fatto che per superare l’ostacolo occorreranno qualche lezione privata e gli esami di riparazione (il mercato di dicembre). In discussione non è solo il mister ( che pur sempre è al primo livello di responsabilità) ma l’intero suo staff che francamente non pare adeguato professionalmente alla categoria.Direi che sta emergendo nettamente non solo dalla posizione di classifica (se il Bra vincesse il recupero con il Savona, il Vado si troverebbe all’ultimissimo posto, una collocazione non certo invidiabile) ma dalle prestazioni, dai riscontri oggettivi (peggior difesa del torneo e problemi a non finire in fase realizzativa), dalla mancanza sistematica di equilibrio tattico nella squadra.Perdere e prendersi magari i complimenti di prammatica nel calcio è un cult.Altro è ricordarsi che si è il Vado e che nel segno della “vadesità” non si può accettare che il campo dove si devono fare i punti salvezza diventi terreno di conquista.La prossima con i quadrati e solidi toscani del Serravezza si presenta ostica e irta di insidie se non si corre ai ripari iniziando ad avere un atteggiamento più guardingo e bilanciato ( altro che 4-2-3-1 o 4-2-4). Gente come Piacentini ed Alessi non si può continuare a trattarli da comprimari ma vanno posti al centro del progetto. Radaelli, Tona e Dagnino sono centrocampisti, adattabili sì alla bisogna, ma pur sempre giocatori di mediana. Per far gol non occorrono 4/5 punte. Si sta finalmente prendendo in considerazione l’ipotesi di schierarsi 4-4-2. Vedremo. Anche la scelta degli interpreti è un’equazione da Scuole Superiori e non una semplice espressione con le parentesi graffe.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: