Attualità

Autostrade e strade liguri alla lente

Il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, dopo il crollo, a causa di una frana, del viadotto lungo la A6 della Savona – Torino, ha chiesto al governo l’adozione di un piano straordinario di interventi, certificato da una società terza individuata da Regione Liguria e pagata da ASPI – Autostrade per l’Italia – per cercare di avere la più precisa conoscenza dello stato delle autostrade liguri.Il presidente Toti ha chiesto inoltre la totale gratuità della percorrenza sulle autostrade liguri e la conseguente apertura dei caselli, sino alla fine dell’emergenza ed ha proposto un piano straordinario per il recupero della viabilità secondaria da stendersi a cura di una struttura commissariale che faccia capo a Regione Liguria, con un finanziamento da parte di fondi governativi: istanza che va ad aggiungersi alla richiesta già inviata di estensione dello stato di emergenza, conseguente all’ultima allerta rossa, e che comprenda le somme urgenze, le spese sanitarie e i danni ai privati. E’ ritornato inoltre sulla domanda di treni aggiuntivi per garantire la mobilità di pendolari e studenti della Val Bormida.

Dopo la chiusura della A26, decisa da Autostrade tra lo svincolo di Masone e l’allacciamento con l’A10 a Genova, e riaperta a una corsia per ogni senso di marcia, su richiesta del ministro alle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, dopo una riunione con ASPI, il presidente della Regione ha inviato una lettera al governo per sottolineare la gravità della situazione che si è venuta a determinare in Liguria, una regione – ha evidenziato – che risulta isolata e che «è ritornata agli anni 1930».

«Un viadotto chiuso alla sera e riaperto alla mattina – ha affrmato Toti – dà l’idea di una nave senza nocchiero. È evidente e giustificabile la preoccupazione dei cittadini del territorio. Tenendo conto che il ministero delle Infrastrutture non ha mai risposto alle numerose lettere che avevamo inviato circa le ispezioni effettuate e l’ammaloramento dei viadotti. Preoccupa infatti che il MIT nei suoi report non avesse mai fatto cenno ai due viadotti considerati a rischio, il Fado Nord e il Pecetti sud, che hanno determinato la decisione di chiudere la A26″. Tenendo conto che questo dovrebbe essere un periodo in cui i traffici crescono per la ricorrenza del Natale, il danno sarebbe già enorme; Toti ha pertanto espresso l’auspicio «di avere qui il governo nel più breve tempo possibile, per avere risposte sul piano straordinario dei viadotti e sulla mobilità secondaria con i fondi necessari».

Per parte sua, il presidente della Camera di Commercio Riviere di Liguria Imperia La Spezia Savona, Luciano Pasquale. si è detto molto preoccupato per l’isolamento in cui è rischia di rimanere costretta la Liguria, situazione che minaccia di comportare conseguenze e ricadute gravissime sia sui flussi turistici nelle province di Savona e Imperia, sia sui traffici portuali, con conseguente rallentamento, nella migliore delle ipotesi, degli approvvigionamenti. “Abbiamo un problema immediato – ha sottolineato Pasquale – con aziende che rischiano di andare in crisi per i mancati arrivi di materie prime e la difficoltà di distribuire il prodotto finito. In prospettiva, poi, ci aspetta la stagione turistica e prima ancora sono ormai imminenti le vacanze natalizie».

«E’ auspicabile – ha proseguito – che sulla A26 venga attivato un sistema di controlli che in caso di allerta o di pericoli possa bloccare il traffico. Per quanto riguarda l’A6, il viadotto caduto potrebbe essere ricostruito se ci saranno i permessi, entro 4 mesi, quindi in tempo utile per l’estate. Nel frattempo, si attende che possa essere almeno riaperta prima possibile la carreggiata Sud a doppio senso per i collegamenti col Piemonte».

 

Immagine: la frana lungo la strada di Cadibona da Unione Monregalese

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: