Attualità

Opinionisti e commentatori improvvisati, molti sono veri parolai!

Chi segue il calcio nelle molteplici trasmissioni televisive che si susseguono su tutti i canali Rai o privati, ha a che fare con una di commentatori che farebbero certamente meglio a cambiar mestiere. Adesso vanno di moda gli “opinionisti” che traducendo in italiano starebbe a significare “coloro che hanno la loro opinione”
Sono in molti a sostenere, io compreso, che tali opinioni se le potrebbero tenere per loro anziché riempire le orecchie dei telespettatori che cretinate a volte allucinanti. Personaggi da un passato a volte abbastanza squallido che non hanno trovato modo e maniera per “sbarcare” il cosiddetto lunario”. Eh. Sì! Cari amici: i suindicati signori sono pure profumatamente pagati con i proventi derivanti da quella ormai non più sopportabile pubblicità senza la quale certe trasmissioni non potrebbero essere fatte. Ma tutto ha e dovrebbe avere un limite! Vengono riesumati personaggi, magari anche da un illustre passato, che oggi come oggi vivono completamente al di fuori del calcio e che… bontà loro…. vengono a guadagnarsi qualche spicciolo commentando e farneticando un mare di mini e maxi cretinate. Conosco più di una persona che è stanca di sentire un mare di boiate, stacca l’audio e si limita a vedere la partita, facendosi lui stesso i commenti mentalmente per non sentire certe stupidaggini. Un ‘ altra cosa che non riesco a capire è perché quasi sempre, i commentatori devono essere in due: il primo commenta la partita nelle sue varie fasi di gioco, il secondo spara le sue cavolate come fosse il mister o il direttore tecnico della squadra. Non basterebbe uno solo? Perché bisogna pagare due persone per fare lo stesso lavoro? Evidentemente i canali Rai o le stesse tv private stanno bene a quattrini se, sono in grado di dare somme di denaro a chi dice le stesse cose. Se ci pensate bene ognuno di noi, con le sue conoscenze calcistiche, potrebbe andare a fare il commentatore o peggio ancora l’opinionista! D’altra parte non dobbiamo stupirci più di tanto: viviamo in un’Italia dove è importante solo parlare, magari non sapendo nemmeno quel che si dice! Ma, detto questo, a stiamo attenti a non fare di tutta un’erba-un-fascio, come dice il proverbio: ci sono anche, va detto, commentatori seri e
preparati e conoscitori del mondo del calcio, capaci di polarizzare l’attenzione dei telespettatori con argomentazioni e commenti “furbi”. Ognuno di noi, seguendo i vari programmi calcistici, sarà certamente
in grado di valutare e capire la bravura e la competenza nella conduzione di tali programmi. A fronte di questi che io ritengo bravi professionisti del microfono, ne sono altri che hanno imparato male a recitare gridando, urlando, sbraitando e fare facce e movimenti come delle marionette! Pensano di piacere e di dimostrare di essere bravi, a me fanno solo ridere e mi stupisco di come non vengano cacciati dalle trasmissioni ove credono di essere i “primi-attori”. Eppure gli esperti ed i responsabili dell’ audience si sapranno fare bene i loro conti: se questi personaggi restano incollati alla loro seggiola ed a loro microfono, vorrà dire che anche loro fanno “audience”. A chi non piacciono, come ho detto, il rimedio per non sentirli c’è! Staccare l’audio tv e sia finita!!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: