Attualità

Sotto l’ombra Del chinotto – La speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio

Credo che non vi possa essere frase più azzeccata per rappresentare simbolicamente la situazione in cui versa Savona tutta, intesa come città, come popolazione e non è un caso, come società di calcio. Sant’Agostino d’Ippona nel coniarla, ritengo che volesse mettere in correlazione proprio i due diversi stati d’animo che sono certo che chui mi legge sta provando in questo particolare funestato momento : lo sdegno per la realtà delle cose ed il coraggio necessario per cambiarle. Vale per la crisi economica che ci attanaglia, vale per il dissesto idrogeologico che sta affliggendo al nostro territorio ferite profonde, vale inevitabilmente anche per i gloriosi colori biancoblù. Alla vigilia del derby più atteso della stagione, quello con i rivali storici della Sanremese, i nuvoloni che gravitano attorno al futuro degli striscioni inducono a far ricorso ad una forte dose di speranza non senza pagare pegno ai suoi due bellissimi figli. Da una parte occorre fare i conti con la realtà dei fatti. I due fratelli Sergi, Fabio (avvocato) e Carlo (commercialista e proprietario del 25% della Sana Sport Mangement, la controllante del pacchetto di maggioranza del club) quali rappresentanti del pool di imprenditori proprietari comparendo anzi la Terza Commissione Consiliare indetta dal Comune non hanno infatti allontanato i dubbi sorti a seguito del gap patrimoniale che sta determinando non pochi problemi gestionali che vanno dai rimborsi non liquidati ai giocatori (che nel frattempo si sono visti sfrattare dal residence che li ospitava) ai tanti disagi di cui è vittima il Settore Giovanile, al regolare e preannunciato saldo delle pendenze ereditate (anche per evitare i conseguenti decreti ingiuntivi) e di nuova produzione.Per non parlare della questione Bacigalupo, anche se dalla riunione svoltasi in Prefettura parrebbero giungere buone notizie circa la possibilità che domenica di rigiochi finalmente davanti alla gradinata Perachino. La confermata volontà di nomina di un Amministratore Unico del club ha indotto l’Amministrazione e l’Assessore Scaramuzza ad una proroga di 30 giorni per effettuare i controlli di rito nell’attesa attesa della presentazione del bilancio. Dal canto suo, Alessandro De Lucis nella doppia veste di rappresentante Aic e di Consigliere Comunale sta cercando di darsi da fare in tutti i modi per trovare possibili soluzioni/salvataggio.Ben altra atmosfera si respira nel comparto tecnico, dove al di là di quanto elencato è il coraggio a farla da padrone. Mi riferisco a quello dimostrato da mister De Paola e dai suoi ragazzi che seppur stiano navigando da tempo in acque melmose ( valutatene da soli la fattura) con orgoglio e carattere sono andati a centrare la prima vittoria esterna stagionale sul difficile campo del Ligorna ( 3 a 2 il risultato finale) portandosi a quota 18, vale a dire a soli due punti dalla zona play off. La prossima gara (il derbyssimo) svelerà il vero volto, la vera identità, la caratura di questo gruppo di calciatori selezionati dal ds Papa. Le ultime due partite, che pur hanno fruttato, eccome, non dimentichiamo che sono state meritatamente colte, contro due compagini invischiate nella lotta salvezza e che pertanto all’appello manca ancora una grande affermazione di prestigio.Non resta che affidarsi a mamma “speranza”, con la consapevolezza che nonostante tutto la squadra c’è. Savona se ci sei, batti un colpo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: