Attualità

Dentro alle Istituzioni Sportive – Il giusto monito di chi tutela i valori dello Sport

Le frasi shock del presidente del Brescia Massimo Cellino a proposito dell’attaccante delle rondinelle Mario Balotelli (“È nero, sta lavorando per schiarirsi però c’ha molte difficoltà”) pronunciate lunedì in Lega Serie A, sono state stigmatizzate e riprese anche, come era doveroso, dal presidente del Coni Giovanni Malagò. “Mi sembra che Cellino abbia detto che e’ stato equivocato e che si e’ sbagliato – ha spiegato il numero uno dello sport italiano -. Certo è però che oggi sul tema del razzismo e del colore della pelle nessuno a nessun livello si puo’ permettere di fare delle uscite infelici”. A chi gli ha chiesto se il numero uno del Brescia vada ufficialmente redarguito, Malago’ ha risposto con fermezza : “Mi sembra che ci siano già gli organi preposti all’interno del mondo del calcio, poi e’ chiaro che si possa criticare chi faccia delle considerazioni in questo senso. Questo e’ poco ma sicuro, ci mancherebbe che uno non intervenga a prescindere dai ruoli, quindi anche il presidente del Coni”.
Uscite infelici ( se così vogliamo chiamarle) a parte, l’avventura che Balotelli sta vivendo a Brescia è tutt’altro che positiva. Il calciatore, nonostante sia arrivato in pompa magna, non riesce ad imporsi e guidare una squadra che ora si trova impantanata all’ultimo posto della classifica di Serie A. Per lui nelle ultime ore si parla addirittura di addio e pare non manchino i club interessati a lui. In primis c’è l’Mls con l’Inter Miami ed i Los Angeles Galaxy pronti a portarlo negli Stati Uniti. Più defilato, ma presente, il Toronto FC. In Italia c’è la Fiorentina che deve sopperire alla mancanza di un centravanti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: