Attualità

“Io Corro Sicuro – Sportivi in Strada”

Nella mattinata di venerdì 29 novembre all’interno della bellissima Pinacoteca Civica si è svolto un interessante convegno organizzato dal Lions club La Torretta di Savona nel quale la leggendaria campionessa di salto in alto Sara Simeoni (primatista mondiale nel 78 con 2,01 e medaglia d’oro alle olimpiadi di Mosca nell’ 80), il marito/allenatore Erminio Azzaro, il quattrocentometrista Furio Fusi (coordinatore dell’iniziativa patrocinata dal Comune e dal Comitato Nazionale Fair Play) ed il ciclista degli anni 70′ Giuseppe Perletto, hanno amabilmente dialogato su sport, sicurezza su strada (cicloamatori e runners vengono coinvolti spesso in incidenti anche di natura mortale , come riportano le cronache) e promozione. A portare i saluti dell’amministrazione pubblica locale il sindaco di Savona Ilaria Caprioglio e l’assessore allo sport e alla sicurezza Maurizio Scaramuzza. Tra il pubblico oltre ad alcune classi del liceo Chiabrera Martini molti volti noti nel mondo sportivo provinciale.Il progetto innovativo e molto apprezzato è partito da Castelnuovo di Porto, comune di residenza del savonese Fusi (finalista alle Olimpiadi di Città del Messico 1968  nella staffetta 4 x 400) e sta riscuotendo unanimi consensi.L’idea madre sarebbe quella di posizionare una apposita segnaletica sulle strade frequentate da atleti ed appassionati in allenamento, al fine di salvaguardarne l’incolumità. Si è parlato naturalmente anche di doping. Marco Mura, allenatore di atletica e organizzatore storico del meeting Città di Savona, ha osservato che tale piaga esiste e che gli allenatori sul campo se ne rendono conto certe volte. Anche sotto questo punto di vista la grande Sara ha portato lustro all’atletica italiana e a tutto il movimento con la sua scelta per uno sport “pulito“. Perletto ha riflettuto poi sui cambiamenti avvenuti nel mondo delle due ruote rispetto al passato: “Allenarsi in Liguria è sempre stato difficile: abbiamo poche strade e molto trafficate. Anche ai nostri tempi o usavi l’Aurelia, o andavi per i monti e io ero l’unico professionista della Liguria all’epoca. Sicuramente l’obbligo del casco ha cambiato molto per la sicurezza nelle gare”. Ancora la Simeoni, impegnata a livello nazionale in un comitato ministeriale per la sicurezza :“Per l’Italia è un problema anche di cultura: penso alla rete di piste ciclabili del Veneto, dalle montagne a Venezia, ma la usano soprattutto gli stranieri  è la periferia che deve attivarsi, non possiamo aspettare sempre il centro. Eppure non sempre ci si trova nelle condizioni di portare a termine i progetti come si vorrebbe”. Infine Fusi ha chiuso il meeting con una battuta di Fusi: una promozione speciale dell’iniziativa, con una gara da disputarsi in piazza Sisto IV. Campioni indimenticabili al servizio della collettività : una vera lezione di vita ed un nobile insegnamento.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: