Attualità

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – Quando arrivi e partenze la fanno da padroni

 

Dopo la goleada di Caronno e il rinvio con il Chieri causato dall’allerta meteo, nella settimana che precede la delicata trasferta sul campo della penultima Lavagnese assetata di punti (con il Savona l’avevamo vista all’altezza la squadra bianconera che ha saltato anch’essa l’incontro di domenica scorsa con il Bra) a salire in cattedra è il calciomercato. Il pres Tarabotto in prima persona, mettendosi in gioco dopo aver di fatto sfiduciato l’operato del tandem esonerato composto dal ds Aurelio e dal consulente tecnico Puggioni, sta cercando in tutte le maniere di tamponare i buchi creatisi nella rosa nella speranza di azzeccare le mosse che portino a dare una svolta ad un campionato che vede al momento i rossoblù come fanalino di coda. Roventi e frenetici i contatti, caldissime linee e piste che conducono a pensare sia in corso una sorta di mini rivoluzione.Il rimpasto governativo prende il là da importanti movimenti (visto che interessano tre titolari) già acclarati quali il lascio di Hamza Oubakent per fare ritorno nella sua Emilia Romagna (sino a ieri punto di forza quale esterno alto e vero pallino del mister vadese), di Gagliardi rientrato dal prestito alla natia Sanremese (anch’egli un punto fermo dello scacchiere rossoblù iniziale), di Scannapieco e Donaggio ( che parrebbero destinati a sistemarsi ad Imperia, società da cui giungerebbe il jolly difensivo Guarco, vecchia conoscenza che gode delle stima di tutto l’ambiente), di Criscito e di Pesce. L’inizio imminente della sessione di mercato d’autunno è quasi alle porte e le indiscrezioni sui tagli e sulle mosse future stanno per prendere una definitiva forma.

Diversi svincolati e senza contratto sono da tempo monitorati e i primi contatti tra le parti sembrerebbero essere già imbastiti.Solo nella prossima settimana si potrà capire se le trattative in corso saranno andate a buon fine. Anche sul fronte attaccanti sembrerebbe non convincere la linea giovane con D’Antoni conteso dalle giovanili “pro” con il Toro favorito e Piu che non riesce a convincere visto il limitato minutaggio che gli viene concesso.Mi limito come sempre alle posizioni consolidate visto la mia naturale avversione per il gossip e per le suggestioni.Forze fresche vengono invocate al partner next blucerchiato che potrebbe mettere a disposizione il terzino destro Filippo Pittaluga classe 2001. Una cosa è certa. Il patron Tarabotto non è tipo da ammainare la bandiera e le scommesse gli piacciono e lo esaltano. Una cosa però è comprare il meglio per tentare di salire. L’anno scorso, in Eccellenza, a dicembre il presidentissimo piazzò il colpo grosso EDoardo Capra (soffiando l’estroso bomber ai competitors Imperia e Rivarolese), completando la campagna d’inverno con il forte centrocampista Andrea Gallo e con il giovanissimo difensore Edoardo Severi (99) entrambi provenienti dal Savona, raddrizzando così la rotta e vincendo il torneo.Altra cosa è provare a salvarsi. Altra cosa è la serie D, una categoria dove non basta investire se ti mancano competenza, esperienza e conoscenza.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: