Attualità

Comune di Vado e AZ Arreda: pace, ma non troppo, fatta

La necessità di adeguare la strada di scorrimento Vado-Quiliano-Savona, la “superstrada”, al movimento che conseguirà all’avvio operativo della piattaforma contenitori di Apm Terminals, ha favorito lo sblocco di un contenzioso fra i più complicati in cui il Comune di Vado Ligure é incorso, impegnato in un braccio di ferro estenuante con la società AZ Arreda, proprietaria delle aree sulle quali si trovava lo stabilimento metalmeccanico delle Officine Ferrero.

Per anni si è trascinata una lite incentrata proprio sull’utilizzo delle aree, sulle quali AZ Arreda avrebbe voluto realizzare una grande struttura di vendita ma il progetto era contrastato dal Comune; non era stato sufficiente, per giungere ad una risoluzione della vertenza, un ricorso al Tar Liguria (vinto dalla società ma subito richiamato in appello, innanzi al Consiglio di Stato, da parte del Comune e non erano stati sufficienti i numerosi tentativi di addivenire ad un’intesa extragiudiziale.

Ma l’esigenza di poter utilizzare una parte delle aree per ampliare la carreggiata della strada di scorrimento ha fatto il miracolo. Siè tenuto un incontro, nelle sede Comunale, amministratori e imprenditori, accompagnati dai rispettivi legali ed è stata raggiunta l’intesa delineando un percorso in grado di superare il contenzioso. Sarà convocato un consiglio comunale con, all’ordine del giorno, l’esame della proposta progettuale di massima di AZ Arreda, che prevede di realizzare sull’area delle ex Officine Ferrero tre strutture di vendita al dettaglio, due edifici residenziali oltre alle necessarie infrastrutture di interesse pubblico.

Dopo la deliberazione del Consiglio Comunale, il Comune convocherà, nel termine di 30 giorni, una conferenza di servizi preliminare per l’esame dello studio di fattibilità e la successiva approvazione dello strumento urbanistico attuativo. AZ Arreda, da parte sua, si impegna a cedere al Comune di Vado Ligure le aree necessarie alla realizzazione della nuova viabilità tra le autostrade e il porto di Vado, mettendole anticipatamente a disposizione della Provincia di Savona per le relative procedure di approvazione e di appalto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: