Attualità

Il progetto sociale “NonUnoMeno” come caso di studio

Il progetto “NonUnoMeno”, promosso dalle cooperative Jobel e Anffas, ha offerto a molti giovani un’opportunità lavorativa e di inserimento sociale ed è ora divenuto l’oggetto della tesi di laurea laurea presentata ieri 15 gennaio dalla ventiquattrenne albenganese Ylenia Liberto che, col punteggio di 103, è una nuova dottoressa in Scienze pedagogiche e dell’Educazione.

La tesi è appunto uno studio sul progetto “NonUnoMeno”, che riguarda, tra l’altro, l’attività della caffetteria della biblioteca civica di Alassio e dell’ex chiosco del parco PeterPan di Albenga. NonUnoMeno è nato dalla collaborazione tra la Cooperativa Jobel, l’ANFFAS, gli Istituti Alberghieri di Alassio e Finale, i Comuni del Comprensorio,i Servizi di inserimento lavorativo disabili (SILD finalese e albenganese), il Centro di salute mentale di Albenga.
NonUnoMeno è un bar, un’osteria, un bistrot. Sono locali per la ristorazione e la caffetteria, dislocati nel Ponente ligure, anche se a noi piace chiamarli semplicemente spazi sociali. NonUnoMeno è un’esperienza. Che sapore ha un caffè preparato da Sasha, Andrea, Chiara, Serena…? Che sapore ha l’autenticità? – così si legge sul sito di “NunUnoMeno”

Ad assistere alla discussione della tesi si sono presentati, a sorpresa, numerosi ragazzi che hanno parte nel progetto e che hanno acclamato entusiasti la nuova dottoressa che ha volotu illustrare l’interessante caso del Ponente Ligure, Con loro Marta Gaia, consigliere comunale di Albenga e tra i responsabili del progetto “NonUnoMeno”, che ha guidato il gruppo nel’aula dell’Università dove si tenevano i conferimenti delle lauree. Gli insegnanti di Ylenia ed i relatori della tesi sono rimasti colpiti, una di loro, la professoressa Daniela Battaglia, ha invitato la neo dottoressa Ylenia Liberto a tenere una conferenza all’Università nel maggio prossimo e a Santa Margherita in agosto, passando quindi dallo stato di “studente” alla categoria di “docente”, accoompagnata da tutto lo staff dei ragazzi e delle ragazze che lavorano alla realizzazione del progetto NONUNOMENO.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: