Attualità

Gli alieni ci guardavano mentre brindavamo al nuovo anno?

Angelo Maggioni, fondatore di A.R.I.A.- Associazione Ricerca Italiana Aliena – ritorna sugli avvistamenti riscontrati al passaggio dal vecchio al nuovo anno, cui sono seguite segnalazioni, a quanto pare interessanti, da cui risulterebbe trattarsi di casi unici di avvistamenti ufo. Difficilmente in Italia vengono filmati oggetti particolari , di forme di energia straordinarie, così dal comunicato di A.R.I.A., che potrebbero far pensare a qualche forma di tecnologia militare molto avanzata non conosciuta dalla popolazione civile.

La particolarità di questi tre avvistamenti è che analizzandoli a fondo si presume siano uniti dallo stesso fattore, colori, posizione e forma, velocità. In particolar modo, spiega sempre l’ufologo ligure Angelo Maggioni, proprio la loro forma comune fa pensare che possa trattarsi dello stesso oggetto volante non identificato apparso su tre zone diverse d’Italia.

La prima segnalazione è giunta da un cittadino ligure, Francesco, che durante la consueta passeggiata serale col cane lungo la strada che costeggia il centro commerciale “Molo 8.44” avvista l’oggetto. Inizialmente lo descrive animato da un comportamento “schizofrenico”, con spostamenti rapidi da destra a sinistra e viceversa per poi stazionare per qualche istante per riprendere poi il movimento allontanandosi verso i monti; il buio e la posizione del testimone hanno fatto si che si creasse l’illusione di un “atterraggio” ma in realtà l’oggetto si è allontanato.

La seconda segnalazione è giunta sempre da Vado Ligure, nella stessa zona, da parte di una signora che vuole rimanere anonima, che ha testimoniato di una veduta dell’oggetto quasi frontale mentre si allontanava verso i montiMaggioni si è così convinto che si trattasse di un allontanamento: la diversa angolatura aveva del resto creato un effetto ottico tale da convincere il testimone ad una discesa dell’oggetto ripreso.

La particolarità è dovuta alla composizione strutturale dell’oggetto, che si presume potesse trovarsi ad una altezza di 500 metri dal suolo, al minimo. formato da tre sfere principali più luminose in formazione triangolare e da due ben visibili ma meno luminose su di un lato; inoltre si scorgevano almeno altre due o tre sfere a impulso (questo dettaglio ha fatto anche propendere ad una valutazione di un oggetto militare avanzato tecnologicamente) a velocità sostenuta.

L’ufologo ligure spiega che lo stupore arriva con una terza segnalazione proveniente da Napoli, dove un testimone ha visto e filmato in pieno giorno un oggetto davvero straordinario. Non è visibile nessuna struttura (sembra trasparente) ma la formazione triangolare delle tre sfere rimarcano l’unione delle stesse. Inoltre appaiono altre sfere a impulso vicine e nei dintorni, anche in questo caso a velocità sostenuta.

La comparazione con quanto segnalato a Vado Ligure da Francesco, sembra confermare che possa trattarsi dello stesso oggetto: stessa dinamica, stessa formazione e stesse sfere a impulso. In questo caso l’oggetto potrebbe essersi trovato almeno a mille metri di altezza dal suolo.

Stesso discorso per la segnalazione proveniente da Capannori, vicino a Lucca, dove un ex militare ha filmato un oggetto di presunte medie proporzioni che è apparso in cielo per poi scomparire un minuto dopo. Il testimone riporta, anche in questo caso, il comparire del bagliore di strane luci pulsanti.

Seppur i quattro casi siano stati analizzati e discussi anche da persone già appartenenti alle Forze Armate, col quale A.R.I.A con gli ufologi fondatori Angelo Maggioni e Antonio Bianucci si consultano regolarmente, non si è riusciti a trovare una risposta definitiva e soddisfacente che possa risolvere il mistero. L’oggetto potrebbe anche appartenere a qualche strano test militare di nuovi velivoli armati con tecnologia avanzata oppure potrebbe essere davvero un oggetto non identificato non appartenente a manifattura terrestre.

Negli ultimi anni A.R.I.A studia il fenomeno ufologico con esperti ex militari, ad esempio nella Valmalenco (Sondrio),riuscendo a identificare i tanti fake proposti, da finti alieni nella radura o che si specchiano in laghi e fiumi, a oggetti riconducibili a ologrammi creati apposta per spot pubblicitari.

Non solo: a questo si aggiunge la difficoltà di distinguere, anche da parte di alcuni ufologi poco preparati sulla tecnologia satellitare, il transito degli oltre 100 satelliti appena lanciati dalla “SpaceX” di Elon Musk, di cui avevamo scritto,che tanto hanno fatto gridare all’ufo, creando solo falsi allarmi o teorie bizzarre.

L’ufologo ligure spiega che, come previsto l’anno scorso da A.R.I.A, probabilmente ci si dovrebbe aspettare un calo di avvistamenti, ma un passo evolutivo strutturale degli oggetti avvistati. Insomma pochi ma molto più evoluti di un tempo.

Rimane dunque misterioso il presunto oggetto osservato nelle tre località italiane e rimane una incognita sulla sua presenza;
infine l’ufologo ligure ricorda che proprio vicino a Vado Ligure si trova la ormai nota area “calda” di ipotesi, il monte Madonna degli Angeli, dove sospetta possa trovarsi una base utilizzata da questi strani oggetti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: