Attualità

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – La prudenza è sempre stata, oltre che saggia, utile

Ci risiamo! Come se non fossero ancora servite amarissime lezioni e sonore batoste, ogni qualvolta il Vado formato Tarabotto sembra aver intrapreso la strada giusta ricade clamorosamente nell’errore e immancabilmente per eccesso di imprudenza ( sarei tentato di usare il termine “presunzione” che nel calcio ha un suo significato particolare). Sarebbe bello, ad esempio per tutti coloro che amano la moto sfrecciare sempre più veloci, sempre più inclinati, sempre più in alto o sempre più su circuiti difficili. Probabile sia il desiderio di tutti i centauri, ognuno con la propria scala di misura, visto che il loro metro ha un punto personale di partenza che cercano sempre di spostare più in là. In tal caso ciò lo si fa con coraggio o con incoscienza? Penso che la miscela di ognuno sia composta in percentuali variabili a seconda dell’esperienza, del carattere e anche dell’età.Da principianti un po’ d’incoscienza aiuta mentre l’esperienza porta a osare sì, ma con giudizio. Solo la ragione infatti può interrompere una catena di insuccessi.” Beato l’uomo che ha trovato la sapienza e il mortale che ha acquistato la prudenza, perché il suo possesso è preferibile a quello dell’argento e il suo provento a quello dell’oro” cita il Libro dei Proverbi dell’ Antico Testamento. Tradotto in “pallonese” : ci sarà pure un motivo per cui la Juventus di Sarri primatista giocando in casa con il Parma rinuncia a Higuain non schierando il tridente ritenendolo sbilanciato. Fatto sta che se ti devi salvare e quindi come si suol dire “tentare di muovere costantemente la classifica”, per prendere il punticino occorre evitare i rischi e giocare più coperti. Se pensi di affrontare il Casale di Buglio (attuale terzo) al Palli con lo stesso modulo con cui hai sconfitto il derelitto Ghivizzano (che ne ha preso due in casa dal Bra) magari sostituendo il trequartista solo come caratteristiche ( l’aitante Gallo al posto del fantasista Bruschi) stai sbagliando approccio con l’argomento “salvezza”.E’ complicarsi la vita da soli pensare di dislocarsi sul scacchiere alla stessa maniera che si sia tra le mura amiche o in trasferta. Si può dire che la partita non sia nemmeno iniziata se si considera che Di Lernia al 10° e l’ex imprendibile folletto albissolese Coccolo al 13° con le loro prodezze l’hanno virtualmente già chiusa. Mi sembra evidente che per i rossoblù il problema consista ancor prima che nella scelta del modulo da adottare per le gare interne o esterne (ho già precisato che andrebbe a volte adattato alla compagine avversaria specie se di alta sfera come accadrà domenica con la temibile Sanremese), sia quello di saperlo allenare. Il 4-3-1-2 o 4 – rombo-2 se preferite, non può essere uno dei tanti improvvisati esperimenti, ma per chi decide di adottarlo (uno di questi è il mio amico Giancarlo Riolfo, terzo in serie C gir.B con il suo Carpi) deve divenire un vero e proprio marchio di fabbrica, uno dei segni distintivi del bagaglio tecnico di un mister. Ho avuto modo di seguire Giampaolo l’ex coach della Sampdoria, che ovviamente, non è stato il primo a imporsi ad alti livelli con questo sistema di gioco: rimanendo all’epoca recente basta ricordare (anche se con stili ovviamente diversi) il rombo di Allegri, quello di Sarri e quello di Maran. Si tratta di un modulo smaccatamente orientato alla proiezione offensiva, che punta a prendere quanto prima la supremazia territoriale e mantenerla nel tempo, per organizzare al meglio l’attacco alla porta.In particolar modo va affinato e rodato durante la fase di non possesso. Bisogna tener presente che il funzionamento di un impianto di questo tipo è legato, in entrambe le fasi, alla mobilità e partecipazione dei suoi interpreti, ed è per questo motivo che se lo si sa proporre nelle esercitazioni infrasettimanali consente poi di mantenere una buona imprevedibilità nello sviluppo della manovra e un’efficacia difensiva per nulla scontata, data la naturale tendenza di questo sistema a concedere parecchio spazio sulle corsie laterali.Bisogna per poterlo attuare imparare a muoversi all’unisono soprattutto senza palla.
A rapirmi l’occhio nella stagione scorsa dei blucerchiati oltre alla consueta sincronizzazione dei movimenti della linea arretrata è stato l’alto rendimento del diamante di centrocampo, nonostante la pesantissima cessione di Torreira, un regista estremamente completo, compensato con l’acquisto di Ekdal posto davanti alla difesa, con accanto a lui Praet e Linetty. L’unico vero ballottaggio fu per la posizione di trequartista, centrocampista avanzato o mezzapunta, a seconda dei punti di vista.
Il rombo di Giampaolo aveva un ruolo cruciale nelle manovre offensive, e la sensazione era che tutto il resto della squadra si muovesse per consentirgli di avanzare: la difesa, terzini compresi, si alzava ed accompagnava da vicino; le due punte, quando serviva, non si risparmiavano nei movimenti ad aprire o a venire incontro. La priorità era sempre avere tante soluzioni di passaggio pulite tra le linee, per imprimere accelerazioni improvvise verso la porta, a costo di alzare parecchi uomini sulla linea della palla, accettando il rischio sulla transizione difensiva. Ho voluto ribadire alcuni concetti base, non per tediarvi con argomentazioni sofisticate da addetti ai lavori, ma per far capire quali capacità si annidino dietro a chi sceglie di fare del calcio una professione (serie D compresa). Preparazione, adeguate cognizioni della specifica materia, competenza, abilità, si devono avere se si vuole esercitare con profitto un qualsiasi mestiere, altrimenti si incorre in guai specie se imprudenti. E’ preferibile nel caso dell’assistenza sanitaria astenersi dal mettere in atto procedure che possano comportare danni alla salute dell’assistito.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: