Attualità

Mimosa d’inverno

Coldiretti diffonde il seguente comunicato: “È ormai un dato di fatto che lo sfasamento climatico detta legge in città, con l’aumento dei livelli di smog, e in campagna, dove la natura è in tilt con fioriture anticipate in molte regioni d’Italia: anche la Liguria si inizia a colorare soprattutto di mimosa, con la fioritura avanti di almeno una settimana sul ciclo naturale e in anticipo di ben 40 giorni rispetto all’appuntamento della festa della donna. Il rischio, ora, è che il ritorno del freddo comprometta l’annata del settore che fornisce il 90% della produzione italiana di questo fiore.

La considerazione di Coldiretti farebbeb seguito ad un “monitoraggio sugli effetti dal meteo, estremamente mite, registrato in molte regioni d’Italia, con temperature massime fuori dalla norma stagionale e carenza significativa di precipitazioni. Una situazione che smentisce addirittura i proverbi sui giorni della merla (29, 30 e 31 gennaio) in cui, secondo la leggenda – appunto, una leggenda, non è detto che sia sempre così – si dovrebbero registrare le temperature invernali più basse, e dove invece sono attese giornate quasi primaverili. Ad oggi in Liguria sono già in fiore la ginestra e soprattutto la mimosa, presente specialmente nel ponente ligure, dove circa 1500 aziende la coltivano in modo ecocompatibile sui tipici terrazzamenti. L’agricoltura è l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici con una perdita in Italia di oltre 14 miliardi di euro nel corso del decennio tra produzione agricola nazionale, strutture e infrastrutture rurali.

“Il risveglio anticipato di colture tipiche della nostra terra, come la mimosa – affermano il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – è un’ulteriore conferma dei cambiamenti climatici in atto che ormai stanno portando, anche nella nostra regione, a sfasamenti stagionali sempre più marcati. La mimosa è una produzione di punta soprattutto del nostro ponente ligure dove questo anticipo di fioritura rischia di essere un pericolo per l’economia delle aziende floricole della zona: al momento la pianta sta risentendo soprattutto del vento, che rischia di rovinarne il fiore e si temono gli ancora possibili bruschi cali della temperatura che potrebbero avere conseguenze gravi sulla produzione e sulla raccolta”.

Sicuramente le parole di Coldiretti devono essere ascoltate perchè riguardano la fatica e le attese degli agricoltori e di tutti gli operatori che lavorano duramente per continuare a fornire il sostentamento e per perpetuare quel patrimonio di civiltà e di cultura che é l’agricoltura, ma anche in considerazione di ciò é bene non perdere il lume della ragione; di giornate abbastanza miti nel mese centrale dell’inverno, in passato, se ne viste anche di più e poi, tutto sommato, non si possono ritenere così eccezionali, almeno da noi, e non sono neppure così tanto miti come in anni passati!

E la mimosa in fiore d’inverno è fenomeno naturale e cito da due siti di giardinaggio: greenme, orto e giardino, dove Francesca Mancuso ciò scriveva il 30 gennaio 2018: “Mimose in fiore nel mese di gennaio, in alcuni casi anche alla fine di dicembre. Una stranezza dovuta al clima che cambia? Non è affatto così, anche se sul web circolano notizie allarmanti e foto che immortalano splendidi alberi di mimosa in fiore, collegando l’evento ai cambiamenti climatici. In realtà è del tutto normale. La mimosa inizia a fiorire proprio in questo periodo, in pieno inverno. Non stupiamoci dunque se camminando per i parchi e la campagna vediamo un bell’albero ricco di fiori gialli. Spesso quando si parla di fiori si pensa immediatamente alla primavera ma ci sono numerose piante che fioriscono durante le altre stagione”;  su “giardinaggio.it”, inoltre, alla voce mimosa, così si legge: “La fioritura della mimosa può durare alcune settimane e comincia con le prime giornate leggermente lunghe e non troppo fredde, da gennaio, fino a marzo; nei luoghi con inverni miti le mimose producono fiori a partire già dall’inizio di gennaio, mentre nelle zone più fresche la fioritura avviene a partire dalla seconda metà di febbraio.”

E ancora,  # La mia Liguria, sito regionale, così dice: “Chi si trova in Liguria tra febbraio e marzo non può non notarla. È una festa colorata, che salta da un pendio all’altro, uno strillo giallo tra le fasce dove la natura ancora dorme, una voglia di primavera che apre il cuore di speranza nell’inverno. È la mimosa, una pianta che ha trovato in Liguria il suo habitat, tanto da diventarne uno dei simboli. Originaria della Tasmania, la Mimosa ( o Acacia dealbata) è arrivata in Liguria nel XIX secolo dove viene coltivata come pianta ornamentale.”

Ed insisto: a Pieve Ligure, la Sagra della mimosa è fissata a domenica 9 febbraio e nel 2019, si era tenuta il 10 febbraio e nel 2018 il 2 febbraio….

Ragionevolmente non può pertanto ritenersi che la mimosa in fiore “quaranta giorni prima della festa della donna” sia un evento così straordinario; può essere vero che un’ondata di freddo intenso tardivo possa provocare danni, ma questo è purtroppo un altro aspetto della questione climatica!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: