Attualità

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – La “rivoluzione” virtuosa ha pagato

Avevamo più e più volte suggerito e consigliato allo staff tecnico del Vado di interpretare le gare con prudenza ed equilibrio specie quando si devono affrontare quelle da bollino rosso (quelle per intenderci con un presunto alto tasso di difficoltà) ed ecco che queste due qualità indispensabili per chi si pone come obiettivo la salvezza, si sono venute a materializzare nel derby ponentino con la Sanremese che seppur in discesa vistosa (solo due miseri punticini racimolati nelle ultime 5 : tira aria di contestazione nei riguardi della società e in particolare di mister Ascoli) rappresentava un ostacolo severo anche in virtù del tris subito all’andata dalla pattuglia rossoblù, anche se va detto che nel frattempo a livello di rosa molte cose sono cambiate.Per chi si aspettava un ennesimo passo falso confidando sull’immediata voglia di riscatto dopo il doppio ko subito a Casale, le attese sono state “fortunatamente” deluse.Le scelte operate da Tarabotto non solo hanno limitato il divario potenziale tra le due contendenti ma hanno finalmente messo all’incasso gli effetti migliorativi del mercato invernale.Era fondamentale, come si suol dire, muovere la classifica, ma facendo ricorso ai due ingredienti sottolineati in premessa, anzichè un auspicabile pareggio ne è uscita addirittura una roboante e per certi versi inaspettata schiacciante vittoria per 3 a 0 (della serie : pariglia resa). Nessun miracolo! Il successo, perchè di un gran successo si sta parlando, trova le sue ragioni nelle scelte effettuate a livello tattico. Chiedere maggior attenzione, concentrazione, personalità, carattere risulta spesso solo come un semplice esercizietto, scontato, banale e teso il più delle volte a fornire un comodo alibi. Altro è, contare di costruire un risultato di assoluto prestigio attraverso un atteggiamento più prudente, che sia ben chiaro non vuol dire rinunciatario.Tutto lì! Il problema della formazione ideale è stato risolto facendo coesistere la “gamba” di Gallo (che ha assicurato maggior copertura al reparto di centrocampo) con la “fantasia” di Bruschi (che dispensato da compiti di rientro è andato in gol e fornito l’assist del raddoppio che di fatto ha chiuso l’incontro).Il sacrificio di una punta ha pagato, così come l’aver puntato sull’argentino Varela autore di un pregevole “double”. Ritengo che questa sia la strada giusta e che anzi, se parliamo di strategie, abbia da essere presa in considerazione giocando in trasferte battezzate come “impossibili” l’ipotesi che preveda due linee a 4 molto serrate, un trequarti di raccordo ed una attaccante di spessore.Concetti come propensione alla copertura, cementificazione della mediana, dimezzamento delle distanze tra reparti, non corrispondono a “difensivismo”, non si traducono nella tradizionale metafora giornalistica  del “parcheggiare il bus davanti alla porta” usata ed abusata per descrivere una filosofia di gioco. Spesso permettono invece, se correttamente applicati, di punire l’avversario al momento giusto, quando cioè è stanco di rompersi il naso sul blocco difensivo predisposto. Sono curioso, come tanti altri addetti ai lavori, di verificare quale “squadra tipo” verrà allestita per affrontare l’atteso ed infuocato return match in programma al Bacigalupo domenica 2 febbraio contro i lanciatissimi biancoblù di De Paola che salvo ripensamenti dell’ultima ora proporranno il loro consueto 4 – 3 – 3 d’assalto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: