Attualità

Coronavirus

Salgono i contagiati e le vittime, quanta paura dobbiamo avere? Mentre stanno rientrando i nostri connazionali dalla Cina con volo aereo speciale, si cerca il vaccino, si cominciano a sentire i contraccolpi economici, per la fermata delle attività in un’area della Cina che vale 80% del Pil. Informare è giusto, ma venire incontro al diritto di informazione, senza spaventare. Il virus si è localizzato per ora nell’area di Wuhan nella provincia di Hubei (Cina). si era parlato di trasmissione via pipistrelli e serpenti, forse da un laboratorio di ricerca o addirittura da nemici Cina. Si manifesta con tosse e febbre, mal di gola, difficoltà a respirare. La malattia ha un periodo di incubazione tra 1 e 14 giorni, ma potrebbe variare, ed anche le persone infettate, potrebbero aumentare. La OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), si impegna a dare conforto, informazioni, ma ritiene importante evitare inutili allarmismi. Oltre le mutazioni, anche la pericolosità nella trasmissione, gravità e mortalità possono aumentare. Le contaminazioni possono avvenire tramite la saliva, il muco (tosse e raffreddore) o fecale, quindi importante incominciare con il lavarsi bene le mani. Per avere certezze bisogna parlare di persone ospedalizzate, testate: In Europa si sono riscontrati pochi casi. Il virus per ora è stato solo isolato in Australia, Cina Francia e Italia, diagnosticarlo, avere elementi, per trovare una terapia antivirale. I ricercatori universitari, persone, scienziati meritevoli lavorano per 1500 euro al mese con la spada di Damocle appesa sul capo al momento di ogni rinnovo del contratto. All’Ospedale “Spallanzani” di Roma, eccellenza in materia, hanno già isolato il Corona Virus; ha forma di corona da cui prende il nome, una novità rispetto a quelli di ieri, ma abbiamo il vantaggio di poter studiare, confrontare le cellule aggredite, con le esperienze del passato. Si è riscontrata una contagiosità 3 volte superiore alla Sars (varietà precedente) sia in relazione al numero di infettati, che per decessi, riscontrati, specie in soggetti a rischio (anziani o con carenze immunitarie pregresse). Nonostante le ricerche, purtroppo, ne sappiamo ancora poco e la malattia colpisce con preferenza gli anziani con carenze immunitarie. L’Italia con 229 contagiati, forse 1 trasportato dalla Croce di Albisola al San Martino, 7 morti (dopo Cina e Corea) è al 3°posto, nel mondo. Avendo bloccati, i voli diretti dalla Cina, eravamo abbastanza tranquilli senza curare troppo i voli con tappe intermedie, pensando a minore rischio, mentre invece in Cina i focolai sono ancora molto attivi, nonostante sia in atto una vera e propria lotta per circoscrivere, vincere la malattia. I malati, salgono, circa 80.000, forse di più, i guariti oltre 16.000, mentre per il numero dei morti è ancora contenuto, 1800 (di cui 6 appartenenti al personale sanitario), in un mondo globalizzato (materiali e viaggi), specie se confrontati con la Spagnola che nel periodo 1918/1020, causò 20 milioni di morti. Preoccupante i morti in Europa (Italia, Francia, Germania) e soprattutto 1 in Africa (Egitto), un continente sicuramente non preparato ad un tale problema. Se diffidenze esistono per i Cinesi residenti che lavorano in Italia, peggio per figli in particolare per presenza, ammissione a Scuola.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: