Attualità

Da 2 a 5 a 10 euro! È un continuo invito a versare piccole somme per arrivare a fare cose che il Governo dovrebbe fare lui stesso.

Cercate anzi tutto di non fraintendermi o a non pensare che, io stesso, non contribuisca ai continui inviti che le più diverse associazioni ci rivolgono per chiedere un piccolo contributo, teso alla ricerca contro le più diverse malattie che ci flagellano! Anzitutto il mio plauso va a queste associazioni (di cui non voglio farne il nome), che sono state create allo scopo di raccogliere somme di denaro destinate a sostenere le spese della “ricerca”: spese che sono molto ingenti e che comunque rappresentano l’unico mezzo affinché tali ricerche mediche possano andare avanti ed ottenere quei risultati nei quali tutti noi speriamo, essendo tutti interessati. Come non essere sensibili alle chiamate delle diverse associazioni il cui fine ultimo è cercare rimedio contro il cancro, la sclerosi multipla o altre malattie che, un domani, potrebbero coinvolgerci più da vicino? Versare i due, i cinque o i dieci euro (sperando che con il passar del tempo non diventino venti, cinquanta o cento!), rappresenta certamente per la maggioranza di noi, una spesa davvero minima se si considera lo spreco di denaro che ogni giorno facciamo quasi senza rendercene conto. Non mi dà fastidio neanche fare la telefonatina o mandare il messaggino per partecipare direttamente a queste raccolte di denaro che hanno una base nobilissima ed umana, l’unico dubbio è, magari, quello che le somme raccolte non vadano a buon fine, ovvero nelle mani giuste. A infastidirmi è il verificare che tali associazioni siano costrette a fare le loro ricerche con i soldi derivanti solo da queste “collette popolari”, mentre il Governo sta a guardare e a far finta di aiutare non dando il suo contributo che potrebbe essere molto risolutivo. La lotta contro il cancro e tutte le spese relative alla ricerca dovrebbero essere obiettivo primario di un Governo che, invece, lascia sempre tutto nelle mani di un volontariato popolare che, grazie a Dio esiste, dal momento che tutti noi ne siamo stati o che ne potremmo essere coinvolti. Quasi tutti noi, nelle nostre famiglie, abbiamo avuto a che fare con malattie che, oltre a far soffrire i nostri cari, non lasciano scampo a nessuno. Ognuno di noi ha vissuto esperienze terribili che hanno lasciato segni più che evidenti. Proprio su questo il Governo fa perno lasciando alla nostra comune sensibilità il contribuire e versare le somme che le più diverse associazioni ci chiedono, tramite i media. Troppo comodo davvero e dimostrazione di poca consapevolezza! Sarebbe ben più giusto e corretto che il governo facesse un discorso diverso del tipo: “Cari signori, io Governo, stanzio questa somma invitandovi tutti a potenziarla ed aumentarla con il vostro contributo”! C’è chi si rifiuta di versare un contributo, anche di due miseri euro essendo convinto che i finanziamenti per la ricerca contro le malattie debbano essere solo a carico dello stato, a difesa e tutela dei cittadini. Anch’io sono convinto di questo anche se, qualche euro li dono volentieri avendo la possibilità di versarne anche cinque o dieci: molti però, teniamolo presente, non sono in grado nemmeno di fare questo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: