Attualità

Incidente sul Cadibona

L’incidente di ieri sulla strada provinciale del Cadibona, non il primo ma l’ultimo di una serie che ha riguardato quasi lo stesso luogo, pone nuovamente e giustamente all’attenzione due problematiche del savonese: la viabilità e la crisi delle Funivie.

Coaì una nota diffusa dall’Amministrazione Provinciale di Savona: “Il Presidente della Provincia Pierangelo Olivieri e il Consigliere Delegato alla Viabilità Luana Isella, insieme al Dirigente e al Responsabile Servizio Strade hanno appena incontrato Luca Odero, Direttore di Terminal Alti Fondali Spa, che gestisce il trasporto del carbone dal Porto di Savona alla Cokeria di Cairo, sostitutivo all’impianto funiviario attualmente non funzionante“.

A seguito del nuovo incidente abbiamo evidenziato ancora una volta la necessità di limitare il carico di traffico pesante della SP 29 del Cadibona, in particolare richiedendo l’utilizzo preferenziale del tratto autostradale A6, soprattutto per i viaggio a carico.Immediatamente abbiamo formalizzato nota in tal senso alla Società, inoltrandola per conoscenza ai Comuni interessati di Savona, Cairo M.tte, Quiliano ed Altare ed al gestore Autostrada dei Fiori, nonché al Prefetto, con il quale siamo stati in immediato contatto“.

Questa mattina il Presidente, insieme ai Sindaci  di Savona e Cairo, aveva sottoscritto la nota concertata con i Sindacati ed inoltrata a tutti i Parlamentari liguri ribadendo al necessità di dare massima rilevanza a tutte le iniziative ed adempimenti da svolgere per pervenire quanto prima all’esecuzione degli interventi necessari per il ripristino della funzionalità dell’impianto funiviario“.

Il segretario provinciale della CGIL, Andrea Pasa, si era così espresso, mettendo in rilievo, anche sotto tale spetto, la vertenza Funivie, al centro , negli ultimi tempi, della discussione sindacale: “Anche l’incidente avvenuto oggi dimostra quanto sia importante trovare una soluzione rapida per la vicenda di Funivie, fondamentale per l’economia savonese e per la sicurezza del savonese: è indispensabile snellire il traffico pesante verso la Val Bormida”.

In ogni caso il traffico pesante sulla statle del Cadibona non è imputabile solo al trasporto di carbone verso Italiana Coke; molti autocarri transitano sulla provinciale invece di dirigersi verso l’autostrada, come giustamente auspica il Presidente Olivieri, a volte rallentando e intralciando il traffico, altre volte, specie in ore serali, rendendo pericolosa la circolazione con velocità non affidabile, su quella strada, per un mezzo pesante.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: