Attualità

Piaggio: forse inizia il futuro

Da ieri 27 febbraio al prossimo 3 aprile è aperto il bando internazionale per la cessione dei complessi aziendali di Piaggio Aero Industries e della controllata Piaggio Aviation, le due società del gruppo Piaggio Aerospace, attualmente sottoposte ad amministrazione straordinaria.

Così si esprime in merito l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Andrea Benveduti: “Finalmente il Ministero dello Sviluppo economico ha autorizzato la procedura di vendita. Bene la sottolineatura dell’Avvocato e Commissario Nicastro circa la necessità di vendere il complesso nella sua interezza ed evitare dunque i paventati spacchettamenti, che non farebbero altro che disperdere il potenziale dell’azienda. Ci auguriamo che da parte del Governo venga adottata la massima cautela sui possibili scenari futuri, per scongiurare l’ipotesi che questa eccellenza italiana diventi l’ennesima dismissione e perdita di competenza della nostra nazione”

Piaggio Aerospace può vantare, all’attenzione dei potenziali compratori, un portafoglio ordini in esecuzione pari a 450 milioni di euro, cui, andranno aggiunti, a breve termine, ulteriori accordi per 450 milioni, elevando così il totale del portafoglio ordini a 900 milioni di euro. “Questo è solo il primo passo – aggiunge l’assessore Benveduti -. Il Mise, con la certificazione della Corte dei Conti, deve sbloccare quanto prima i contratti per il refitting di diciannove velivoli P180 e l’acquisto di altri nove che garantirebbero l’avvio dell’attività in LaerH, fornitore di Piaggio, e quindi il reintegro programmato dei lavoratori, ad oggi cassa integrazione, e su cui ha gravato in passato il processo di esternalizzazione dell’attività e una pesante cassa integrazione per l’intero periodo commissariale”.

Anche il PD regionale, con una nota diffusa dai consiglieri Lunardon e Righello, esprime l’auspicio che la vendita rigiardi l’interezza dell’azianda; così si legge nella nota: “Il Governo ha autorizzato la procedura per la cessione di Piaggio attraverso un bando internazionale che scade il prossimo 3 aprile: è importante però che l’azienda venga ceduta nella sua interezza, come chiedono le parti sociali e gli enti locali, in modo da garantire i livelli occupazionali e un adeguato futuro produttivo per tutta l’azienda“.

I consiglieri PD rivendicano inoltre l’efficacia dei passi computi dal Governo e si pongono in atteggiamento critico nei riguardi dell’Assessore Benveduti, così esprimendosi:”L’Esecutivo giallorosso, grazie alle due commesse da 450 milioni di euro ciascuna, ha dotato Piaggio di un portafoglio ordini da 900 milioni, che rende finalmente il suo futuro meno incerto.Ci auguriamo tuttavia che arrivi anche al più presto la certificazione della Corte dei conti per sbloccare l’acquisto delle commesse autorizzate dal Governo“.

Troviamo stucchevole e ingiustificato l’atteggiamento polemico adottato nei confronti del Governo dall’assessore regionale allo Sviluppo economico Andrea Benveduti. Vorremmo ricordare a Benveduti che quando il suo partito, la Lega, era alla guida del Paese, Piaggio ha rischiato seriamente di chiudere i battenti. La Lega al Governo ha fatto fuggire il fondo Mubadala mettendo a repentaglio il futuro di Piaggio e dei suoi lavoratori e costringendo l’azienda all’ amministrazione controllata e i lavoratori alla cassa integrazione. Solo con il cambio di maggioranza Piaggio ha iniziato a intravedere un futuro diverso“.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: