Attualità

Contro il virus insinuante: musica

La Regione promuove attività domestiche…a Varazze si suona per Santa Caterina

Resto a casa e…mi alleno, gioco con i bambini, cucino, leggo, suono, gioco, imparo, ballo, insomma sto bene! Ci sono molte, moltissime cose da fare tra le mura domestiche. È il momento, in tempi di coronavirus, di riscoprire tutte le attività che si possono tranquillamente svolgere senza uscire di casa, per passare il tempo, allenando il corpo e la mente, rispettando le indicazioni e proteggendo se stessi e gli altri dal contagio: è il modo più rapido per tornare presto alla normalità.


Per questo Regione Liguria sta lanciando, sui propri canali social, l’iniziativa #restoacasae: l’invito, rivolto a tutti, è di caricare sui social, con l’hashtag #restoacasa, un vostro breve video in cui si racconta la propria giornata in casa o, ancora meglio, un tutorial per dare indicazioni e suggerimenti agli altri: ginnastica, yoga, ricette, giochi per intrattenere i bambini, favole, racconti, canzoni, consigli per una dieta sana, istruzioni per attività che rischiano di andare perdute come il cucito, il macramè o il pizzo, qualunque cosa vi venga in mente per dare suggerimenti e buone idee per passare il tempo a casa.”

Oggi non uscire è importante, per la salute di tutti, farlo senza annoiarsi e stando bene è possibile: date una mano a farlo capire, tanti volti noti della nostra regione lo stanno già facendo.”

Così il messaggio della Regione mentre si diffondono iniziative simpatiche – verrebbe da dire proprio nel senso letterale del termine che viene dal greco e vuol dire “soffrire insieme” – come le improvvisazioni o le esecuzioni musicali alla finestra, come avvenuto ieri sera, mel “flash mob” in tutta Italia. Varazze si è unita e qualcuno ha voluto, alla finestra, suonare il popolare e festoso inno di Santa Caterina con un sax dalla voce ovattata, che faceva da controconto al rintoccare sempre suggestivo delle campane…speriamo di sentirlo nuovamente tuonare, eseguito da una banda scatenata, alla prossima processione in onore della Santa Senese, che ben conosceva la peste…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: