Attualità

Emergenza di oggi: pensiamo e crediamo nel domani!

Valore e simbolo dei negozi cittadini

 

Sono giorni di coprifuoco e di strade deserte, situazione che, anche per chi ha passato i sessanta, come lo scrivente, è un evento simile a taluni dei quali avevamo sentito parlare, dai nostri genitori o dai nostri nonni, propri di tempi bui da loro vissuti e che pensavamo che nel mondo attuale, quano meno nei Paesi ricchi, non si sarebbero più dati! Ed invece ci siamo capitati, a sorpresa ed in  meno che non si dica! Speriamo che questo chiusura totale di – quasi – tutto, e ci sarebbero altre considerazioni in merito ma ce le riserveremo per domani, sia veramente utile e serva a conseguire i fini per cui è stata decretata, speriamo che il danno economico che ne deriverà garantisca il nostro bene più prezioso, la salute, senza la quale, e ritorna il buon senso di quella che altrimenti sembrerebbe una frase fatta e banale, siamo bloccati in tutto.

In queste circostanze il nostro direttore Roberto Pizzorno, con altrettanto buon senso, con sensibilità e senso di solidarietà, ci invita ad una riflessione saggia: “se vi fa impressione vedere il vostro paese deserto e con le saracinesche dei negozi abbassati, ricordatevene quando la quarantena sarà finita perché se non sarete voi ad aiutare i commercianti della vostra città quelle serrande non si alzeranno più e vivrete in una città spettrale per sempre. Sono i piccoli negozi che tengono viva la città, penso che ora più che mai ve ne stiate rendendo conto. Ricordatevi di ciò che stanno perdendo in questi giorni e dei sacrifici che faranno quando riapriranno. Non vi fate prendere dallo shopping inutile online perché in quarantena le cose futili non vi occorrono, piuttosto tenetevi quei soldi in tasca per spenderli quando uscirete di casa. A nome di tutti i commercianti, grazie”.

E con queste parole che Roberto ha detto a noi collaboratori, in amicizia, vogliamo esprimere un auspicio per un futuro, che ci auguriamo quanto mai prossimo: di ritornare ad affollare le vie, a guardare le vetrine, a farci prendere dal desiderio di comprare!

 

Immagine: foto di una serranda in una  città del Veneto

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: