AttualitàCultura e Musica

Meteorite visto da Celle

Le spiegazioni dell’ufologo Maggioni

Questa mattina i cieli del Nord talia, intorno alle 10.38, sono stati solcati da un meteorite che si è lasciato appresso una scia, a tratti ben visibile. Un breve passaggio, una frazione di secondo e tanto basta per lasciare il segno, come affermano da A.R.I.A. – Associazione Italiana Ricerca Aliena – , che ha collocato una cam di monitoraggio proprio nei pressi di Celle Ligure, puntata verso Genova e viene usata dal fondatore dell’associazione e ufologo ligure, Angelo Maggioni che per ricerca e studio esamina vari passaggi di oggetti sia identificati che non identificati.

Già una volta la Cam catturò il passaggio di una meteora la cui direzione puntava , da Cuneo, verso Roma,stamattina la resa era debole perchè il Sole ne ricopriva parzialmente il transito.

L’ufologo Maggioni, attivissimo in tutta Italia,spiega che a proposito di virus, di cui in questi giorni si parla più di tutto, alcune quantità sconosciute arrivano proprio dallo spazio, che possono essere trasportati appunto da meteore, pur se è bene precisare che la maggior parte ne viene neutralizzata all’impatto con la nostra atmosfera, con la combustione, ma ogni giorno sul nostro pianeta piove comunque qualche tonnellata di batteri alieni la gran parte dei quali viene, come s’è detto, distrutta.

Alcune teorie suggeriscono che la vita sulla Terra sia stata originata grazie a tale pioggia, ma tra questi potrebbero trovarsi agenti anche pericolosi che potrebbero non solo influenzare ma anche modificare patologie cui noi esseri umani saremmo immuni o abituati.

Non è il caso del recente coronavirus che alcuni complottisti ritengono risultato di una manipolazione da laboratorio rilasciata apposta per colpire il sistema economico Cinese e quello Italiano, ma proprio a tale riguardo Maggioni spiega: “Direi di andarci piano e di fornirsi di adeguata documentazione. Vero è che nelle mie teorie di vita comparsa sulla Terra gioca molto il fatto e la convinzione che una parte di noi appartiene al nostro universo, cioè che una parte del nostro DNA è strettamente legato alla Terra e una parte è strettamente legato all’universo e questa stessa parpotrebbe dar vita anche a forme aliene su altri pianeti. Rimane sempre affascinante osservare il passaggio di una meteora a patto che questa non rechi danni o pericoli all’esistenza di forme di vita”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: