Archivi

Attualità

Coronavirus, ancora incertezze sull’evoluzione

Le cifre di ieri sera sul contagio e sull’evoluzione del Coronavirus, dopo un trend di casi positivi in costante calo  per quattro giorni di seguito, hanno esposto di nuovo una cifra in crescita; alle 18.00 di ieri infatti si rincontravano 4.492 persone colpite rispetto allei 3.492 delle ventiquattro ore precedenti, per un totale di contagiati di 62.013.  Sempre in relazione al periodo, i deceduti sono stati  712 persone (50 in più del bollettino ufficiale comunicato dalla Protezione Civile, dal quale mancavano le vittime in Piemonte) contro le 683 del precedente uguale arco di tempo, portando il numero totale delle vittime per coronavirus a 8215. I guariti superano per la prima volta i diecimila (10.361 persone), 999 in più. Il totale delle persone che ha contratto il virus in Italia arriva a 80.539.

I dati sono stati forniti nella quotidiana conferenza stampa della Protezione Civile, anche ieri condotta dal coordinatore del comitato tecnico-scientifico Agostino Miozzo, in assenza del capo Angelo Borrelli, ammalato presumibilmento di una normale influenza  e negativo al test del virus. Il migliaio di contagi in più rispetto al periodo di osservazione precedente è stato così motivato dal professor Miozzo: “E’ importante che ci sia un rallentamento della curva ma non possiamo aspettarci un’improvvisa diminuzione. Dobbiamo osservare nei prossimi giorni gli effetti delle decisioni prese, stiamo già analizzando la ragione del piccolo incremento di oggi. L’ipotesi è che ci sia stato un accumulo di risultati di tamponi fatti nei giorni precedenti. Ma la cosa importante è la velocità di incremento della curva che apparentemente sembra rallentare.”

Veramente definire “piccolo incremento” un aumento di mille casi su quattromila sembra, a dir poco paradossale e speriamo appunto che si tratti di risultati attesi di tamponi di giorni precedenti; è comunque un po’ inquietante, senza voler essere disfattisti e senza mettere in dubbio l’impegno di tutti in questa terribile emergenza, che i numeri presentati siano aleatori e, apparentemente, non avvalorati da una rigorosa raccolta che contempli sia i tamponi che i contagi effettivi: in questo modo, se lo stesso responsabile si affida alle “ipotesi”,  l’ombra del dubbio scende inevitabilmente pure sulle cifre presentate i giorni precedenti e ciò che viene sempre ripetuto, che “bisogna attendere i prossimi giorni per osservare gli effetti delle decisioni prese”, se non è riscontrato da numeri certi,  diventa anch’esso un ‘”ipotesi”, che pesa sull’economia, sul lavoro, sulla scuola, soprattutto sulle persone costrette ad un isolamente che, psicologicamente, potrebbe pesare sempre di più!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: