Cronaca

Papa Francesco: “Svegliati Signore, non lasciarci in balia della tempesta”

Sotto una pioggia incessante e con piazza San Pietro vuota e con un silenzio irreale papa Francesco questa sera ha lanciato un suo grido  contro la pandemia di coronavirus . Alle spalle del pontefice l’immagine della Salus Populi Romani e il Crocifisso di San Marcello, rispettivamente l’icona bizantina di Maria conservata in Santa Maria Maggiore e il crocifisso oggetto della venerazione dei romani che nel 1500 una tradizione dice salvò la città dalla peste”. Ha detto il Papa,  che era affiancato dal cerimoniere  liturgico, il genovese monsignor Guido Marini “Svegliati Signore, non lasciarci in balia della tempesta”, e poi ancora: “siamo stati presi alla sprovvista da una tempesta inaspettata e furiosa. Ci siamo trovati su una stessa barca fragili e disorientati, ma allo stesso tempo importanti e necessari, chiamati a remare insieme e a confortarci a vicenda. Su questa barca ci siamo tutti. E ci siamo accorti che non possiamo andare avanti ciascuno per conto suo. Ma solo insieme. Nessuno si salva da solo”.  . Il Pontefice ha poi dato la benedizione del tutto inedita: quella Urbi et Orbi e la possibilità di avere l’indulgenza plenaria, solitamente riservata a Pasqua e Natale.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: