Attualità

Coronavirus, sempre in allerta

Ieri, venerdì 27 marzo, alle 18.00, secondo i dati forniti dalla Protezione civile i nuovi contagiati erano 4.401 rispetto ai 4.492 del periodo di osservazione precedente di 24 ore, numero che porta a 66.414 il totale dei casi; i morti sono stati 969, compresi i 50 relativi a l’altro ieri che non erano stati contati, per un totale complessivo di 9.134, sempre ieri 589 erano i guariti. Il numero dei morti è il più alto dall’inizio del contagio in Italia.
Questo virus “è un nemico invisibile, forte e sconosciuto. Possiamo vincere questa guerra contando sul sacrificio di tutti i cittadini. Imploriamo di nuovo il rispetto delle regole”. Così si è espresso  il commissario straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri, nell’incontro stampa. “Oggi distribuiamo 4,1 milioni di mascherine. Negli ultimi 3 giorni ne abbiamo distribuiti 9,6 milioni”.

“I respiratori vengono da lotti aggiudicati con gara Consip, quelli che acquisiamo direttamente e quelli che ci vengono da Paesi stranieri”, ha ancora affermato il commissario. “Queste forniture hanno un tempo per arrivare in Italia e un altro tempo per essere installate dove servono. Il numero dei respiratori (attualmente ne sono stati comprati un migliaio, ndr) assicuro che crescerà fortemente nei prossimi giorni”.

Ieri a Bergamo sono stati accompagnati i primi 20 medici volontari. Altri 8000 si sono messi a disposizione per offrire un contributo in prima linea. Nei prossimi giorni alcuni di questi sanitari raggiungeranno le zone a maggiore diffusione del virus. “Manderemo i primi 300 volontari nelle zone più devastate” spiegano dalla Protezione civile.

Salgono invece a 6.414 gli operatori sanitari contagiati dal nuovo Coronavirus secondo gli ultimi dati resi noti dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Un  numero impressionante di cui l’età media è di 49 anni ed il 35% è di sesso maschile. Si tratta di circa il 9% dei casi totali segnalati. “È “evidente – afferma l’Iss – l’elevato potenziale di trasmissione in ambito assistenziale di questo patogeno”.

Liguria

Sono 2329 le persone positive al Covid-19 in Liguria, 67 in più rispetto a ieri. E’ il numero più basso di nuovi contagi degli ultimi giorni. Secondo i dati relativi ai flussi tra Alisa e il ministero, dei positivi totali, 1180 sono gli ospedalizzati, di cui 157 in terapia intensiva, sono al domicilio 878 persone (5 in più di ieri), clinicamente guariti (ma restano positivi e sono al domicilio) 271. I guariti con 2 test consecutivi negativi sono 34, le persone decedute dall’inizio dell’emergenza sono 331, rispetto al le 24 ore precedenti 51 in più. Anche nella nostra regione il più alto numero di decessi in un giorno dall’inizio della diffusione del virus. I colpiti in sorveglianza attiva sono 2343.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: