AttualitàCultura e Musica

Fellini: “La strada” e Zampanò

In questo anno felliniano, altri pensieri ci distolgono purtroppo dal riflettere sulla Bellezza e sull’Arte, ma lo faremo lo stesso, anzi,  vedremo di ritornare, di tanto in tanto, magari settimanalmente, su Federico Fellini (Rimini, 1920 – Roma 1993), il grande maestro italiano del cinema, di cui quest’anno  ricorre il centenario della nascita e dovrebbero tenersene le celebrazioni, in parte già date. Una curiosità abbiamo trovato, riguardante il film “La Strada”, del 1954, il primo successo internazionale di Fellini, il primo di una serie di capolavori che faranno del regista riminese uno dei grandi del Cinema. Chi non ricorda i due immortali protagonisti del film?  la tenera e confusa Gelsomina e l’irascibile e  materiale Zampanò, istintivo e brutale, che per la sua eccitabilità facile commetterà un omicidio..ebbene, forse la figura di Zampanò venne ispirata da un personaggio conosciuto da Fellini, od a lui noto, negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza ovvero un saltimbanco che si esibiva da uomo forzuto, come Zampanò, e spezzava catene gonfiando il petto; era un certo Glauco Balena (1888-1973), di Riccione,  appartenente ad una famiglia che esercitava un commercio all’ingrosso di legna e carbone a Borgo San Giuliano, l’antico quartiere marinaro di Rimini; l’attività di famiglia serviva a Balena da “palestra”,  caricando enormi sacchi sui carri dei clienti; il Balena non era propriamente l’ archetipo di uno Zampanò: uomo di forza eccezionale, capace di sollevare, nel 1911-1912, centotrentadue chili, campione in gioventù di lotta greco-romana, ai tempi una disciplina sportiva di ceti elevati, era una persona intelligente e di bellissimo carattere, diresse anche una rivista dal titolo “L’Araldo della Salute”, che uscì sino agli anni della Seconda Guerra Mondiale. Così è emerso, nei giorni del centenario di Fellini.

Glauco Balena campione di lotta greco-romana

Tullio Pinelli, scrittore e sceneggiatore, fra  gli  sceneggiatori del film, così riferì : “Ogni anno, da Roma, andavo in macchina a Torino per rivedere i posti, la famiglia, i genitori. Allora l’Autostrada del Sole non c’era, si passava fra le montagne. E su uno dei passi montani ho visto Zampanò e Gelsomina, cioè un omone che tirava la carretta con un tendone su cui era dipinta una sirena e dietro c’era una donnina che spingeva il tutto. … Così quando sono tornato a Roma ho detto a Federico: -Ho avuto un’idea per un film-. E lui: -Ne ho avuta una anch’io-. Stranamente erano idee molto simili, anche lui aveva pensato ai vagabondi, ma la sua era centrata soprattutto sui piccoli circhi di allora… Abbiamo unito le due idee e ne abbiamo ricavato un film”.

Può darsi che l’idea avuta da Fellini e messa insieme con quella di Pinelli, si riferisse proprio a Glauco Balena!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: