Attualità

Coronavirus (covid-19) Facciamo squadra

DI PINO ROSSO

Tempi difficili quelli che stiamo vivendo, il “coronavirus” ha stravolto la nostra realtà. Dopo timore, ansia, stress, choc iniziale, bisogna reagire, portare la mente che ci governa a cambiare i gesti quotidiani Non potendo andare in palestra o in campo che fare? Prima reazione di difesa mentale per sminuire, poi obiettivi reali, performance per migliorare e tornare a vincere la gara Ripartire, la crisi prepara rinascita, nuovi rapporti umani, porta a crescere, a migliorare. Prima prendersi cura del corpo, smaltire le tossine, cercare di dormire bene per recuperare, tenendo ben conto se trattasi di soggetto allenato, non allenato. Lavarsi spesso e bene le mani con acqua e sapone elementi facili da trovare per noi (in Africa sia spazio vitale che acqua non sono facili da trovare). Poi un’occhiata alla casa spesso ricca di attrezzi convenzionali (cyclette, tapis roulant) e non convenzionali (bottiglie di acqua, cintura accappatoio), spazi liberi per correre se non troppo affollati per allenati, mentre per poco allenati una buona camminata veloce, magari con bastoni, nati in Nord Europa per 15’/30′. In casa, possono utilizzare: bottiglie piene per potenziamento braccia, corsa sul posto, lenta, veloce o sollevando ginocchia, esercizi a terra o a letto per addominali e dorsali, tenere attivi corpo e mente. Importante rilassare da testa a piedi, ad occhi chiusi, visualizzazione mentale: ideo-immagini (pensare al movimento) o guardare il gesto tecnico da fare al video. Distanti ma uniti per combattere il corona virus, facciamo squadra. La Medicina ci aiuta, a reagire, con la terapia, anche intensiva per tornare alla normalità, ritrovare la salute. Il rischio per i singoli è basso, per la massa è alto, specie per quelli da curare in pochi reparti specialistici, attrezzati (rianimazione). Una volta esistevano i “lazzaretti” per le malattie virali che si sviluppano facilmente cambiando, aiutavano a resistere, mentre ora, anche se gli antibiotici non servono, ci sono terapie per uscirne, guarire. Importante la pulizia, niente contatti, strette di mano, abbracci per poi toccare il viso (naso, occhi, bocca), quanto attenzione per telefonino, chiavi, soldi. Pericolo per chi ha patologie polmonari in atto, asma. Una puerpera, anche se risultasse positiva di solito non incide sul feto. Cure fai da te: gargarismi caldi, mascherine, specie se riciclate non servono, utile disinfettare con materiali appositi a base alcolica. Come passare il tempo (quarantena, divieto uscire, prevenzione). Disegnare, scrivere, leggere, raccontare fiabe, sognare viaggi, cucinare o altre cose che liberano, sollevano, sono un farmaco. Lamentarsi non serve a niente, peggiora la situazione, porta a depressione. Per una coppia evitare la insofferenza legata a spazi stretti, ci diamo addosso, dà fastidio. Non si vive di ricordi, bisogna pensare in positivo, sognare il futuro. Lontani ma vicini, vicini ma lontani. Il nostro sistema immunitario va aiutato bene in cucina usando cipolla, aglio, cavolo, ricchi di fibre antiossidanti e antinfiammatori. La borsa crolla lo spread sale, è come per andare a spiaggia le donne, si devono depilare ma pur senza freddo a febbraio non è il caso di farlo anche se pelose come King Kong. L’implicazione della Circolare del Presidente del Consiglio, (ne uscirà una nuova, da chiarire la quarantena, non positive) circa gli spostamenti, autorizzati per: lavoro, salute, evitiamo, rinviamo quanto non urgente (collaudo auto, patente). Attenti alla veridicità delle dichiarazioni, se danno è fatto, non aggraviamo la situazione. Gli addetti alla consegna (Amazon) posano il pacco davanti alla porta senza chiedere la firma di ricevuta, non devono essere fatti distacchi di energia (gas, luce) per morosità, se scade affitto alloggio, i traslochi aspettano, affitto da sanare tra le parti, attività sportiva, passeggiate 200mt ( comprese cure per animali), senza esagerare in luogo non frequentati. Affitto Locali Commercianti, artigiani, professionisti, studenti, che non operano in conformità al Decreto Cura Italia, non guadagnano e possessori locali in affitto si trovano di fronte il problema affitti. Per i mancati introiti l’Inps verserà, alle partite Iva, un conguaglio (600 euro mensili). Per i locali in affitto unica possibilità, utile un accordo tra le parti In Lombardia ad esempio potrebbero trovare soluzione con il personale sanitario (Medici, Infermieri) chiamati a rinforzare le nostre strutture sanitarie. Da controlli effettuati dalle Forze dell’Ordine risulta che solo il 4% di persone disubbidisce uscendo, Per scusa dichiarano di aver visto dalla finestra altri correre in strada e si sentito dalle finestre pesanti battute. Certo vedere altri uscire può dare fastidio, ma occorre saper discernere. Dando uno sguardo al passato, la storia ci indica altre gravi epidemie, con relative norme di comportamento peste Antonina nel regno dell’imperatore Antonino, con tali perdite di vite da favorire le invasioni Barbariche, per arrivare poi al Medioevo con la “peste nera” riportata da vari autori (Dante e Boccaccio) nelle loro opere, tramandaci che anche allora era invalso il divieto di uscire, ma pare accertato che anche allora il virus si estendesse per spostamento delle persone, e La Spagnola 1918/20 (100.000.000 di morti). I nostri Scienziati, non sanno prevedere il picco pertanto dobbiamo attenerci ad esperienze passate: i “tamponi” pur scarsi, aiutano a vedere il presente, non servono per prevedere il futuro, gli Stati attendono, invece a noi servirebbe tempestiva prevenzione (non chiusura esercizi pubblici sino alle 18) Notevole la carenza di personale sanitario, se ne cerca anche all’estero, si dice anche di personale sanitario in malattia, invece pare che le assenze siano al di sotto della media. Si pensava ad una influenza normale, forse si è aspettato a fronteggiarla con adeguata terapia. Alcuni Sindaci, sia al Nord che al Sud arringano, riprendono per strada i loro concittadini. Il contagio e la gravità della malattia ci rendono fragili, e si vede dalle nostre facce spaurite per strada, come i nostri antenati erano impauriti dal tuono. Nell’attuale situazione, forse gli anziani in particolare, soffrono, preferiscono morire per virus che per solitudine comunque da questa crisi ne usciremo, quanto meno più tecnicizzati, esperti in tecnologie di comunicazione. Tutti ci aspettavamo se non una regressione almeno un arresto del virus, invece, specie nel Bergamasco ancora lunghe le code di camion militari che trasportano le salme alla cremazione fuori sede (non disponibilità in provincia)Com’è triste specie per le famiglie che vengono avvisate a cose fatte. Noi siamo alla finestra nel termine più letterale, in attesa di novità,di ripartire,mentre tanti Sindaci scendono in piazza a redarguire, spingere la gente a stare in casa. Chi lavora,vista la riduzione dei trasporti,in certe ore è costretta a vedere mezzi strapieni. Da tante parti si invoca l’uso dell’esercito, trattasi 150.000 uomini addestrati in missioni di pace e guerra,calamità, emergenze da usarne almeno 15.000,ad evitare l’applicazione integrale (sino al luglio 2020) del decreto del 31/1/2020, ma si teme che vengano invocate le Libertà Costituzionali Molte parole si spendono anche per lo Sport(troppi interessi in gioco):quasi sistemati i Campionati di Calcio Italiani ed Europei, resta difficile capire se faremo le Olimpiadi, forse sarebbe meglio aspettare,per non fare la figura di quei quattro ragazzotti che nonostante il divieto erano al Parco a tirare 2calci. Per i Supermercati invece sarebbe meglio non ridurre gli orari, per non concentrare troppa gente,come avvenuto per alcune corse di mezzi pubblici anzi citate, per poi magari chiudere il sabato o la domenica o meglio entrambi favorendo i dipendenti. Mentre nessuno parla dei collaboratori domestici, spesso in nero

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: