Attualità

Porto di Vado, l’operatività continua

Nonostante l’emergenza dovuta alla diffusione del Coronavirus, l’attività di Vado Gateway non si interrompe: all’inizio di marzo era approdata alle banchine del nuovo Termina Container di Vado Ligure la prima delle 5 navi della nuova linea marittima di Maersk che farà settimanalmente scalo alla nuova infrastruttura portuale di Vado Ligure, proseguendo così il percorso di crescita commerciale del nuovo terminal container deep-sea.

Dopo l’avvio dell’operatività avvenuto lo scorso 11 febbraio con l’inizio del servizio ME2 di Maersk (Mediterrano – Medio Oriente – India), è partito ufficialmente il servizio MMX, la nuova linea marittima  Maersk che collega il Mediterraneo con il Canada.

M/V Maersk Nora, così si chiama la nave, é una portacontainer lunga 199 m, con una capacità di 2.274 TEU. La nave è giunta a Vado Gateway dopo gli scali nei porti di Tangeri East Bound e Fos Sur Mer/Marsiglia, e proseguirà il proprio viaggio verso Algeciras West Bound, Tangeri West Bound e Montreal, prima di fare ritorno a Tangeri East Bound.

Le altre navi della linea che avranno meta il terminal container di Vado Gateway saranno tre unità di equivalente capacità ed una portacointainer da 2.500 TEU.

Come per il precedente servizio, anche i contenitori che sbarcheranno dalla nuova linea MMX verranno affidati alle compagnie di trasporto o ai treni merci che collegano Vado Gateway con gli interporti di Pioltello (Milano), Rubiera (Modena) e Padova.

Prosegue regolarmente, pur nei limiti delle misure restrittive emanate dal governo italiano per il contenimento ed il contrasto del diffondersi del virus Covid-19 sull’intero territorio nazionale, e con le notevoli difficoltà che ne derivano,  l’attività delle due infrastrutture logistiche di Vado Ligure (Reefer Terminal e Container Terminal)

A seguito degli sviluppi dell’ emergenza sanitaria, la società ha istituito un comitato di crisi interno che, con il supporto del Medico Competente e, sulla base di quanto stabilito dai contenuti dei DPCM emessi e dalle condizioni quotidiane che si presentano, ha il compito di monitorare costantemente la situazione.

L’operatività di Vado Gateway è possibile solamente se avviene nel rispetto di tutte le misure necessarie a tutela della salute dei lavoratori impegnati all’interno dell’infrastruttura portuale.

Tra le principali misure precauzionali prontamente adottate, in ottemperanza a quanto stabilito dai decreti ministeriali ad oggi emessi, rientrano:

– la condivisione con tutto il personale di un decalogo delle misure di prevenzione e dei comportamenti da adottare per ridurre al minimo il rischio di contagio;

– il rafforzamento della sanificazione delle postazioni e delle aree di lavoro;

– la separazione dei dipartimenti aziendali e dei turni al fine di ridurre il più possibile i contatti tra le persone;

– l’azzeramento delle attività fuori sede e/o delle visite di terzi;

– l’attivazione della modalità di smart working per le funzioni e i ruoli autorizzati; attualmente circa il 90% degli impiegati sta utilizzando tale modalità di lavoro.

APM Terminals Vado Ligure ha inoltre attivato gratuitamente, per tutti i propri dipendenti, una copertura assicurativa che possa supportarli nell’eventuale sfortunata circostanza di positività al Covid-19, a dimostrazione dell’attenzione della società nei confronti del proprio personale.

La prosecuzione dell’attività è di buon auspicio per un ritorno alla normalità ed alla serenità ora compromessa.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: