Attualità

RUBRICA-COME RESISTERE AL CORONAVIRUS: PSICOLOGIA: SUGGERIMENTI DI LETTURA

In questi giorni molti di noi avranno parecchio tempo libero, può venire in mente l’idea di dedicarsi a letture più impegnate o diverse dalle solite “novità” di mercato.

Non è mai facile consigliare delle letture, specialmente se il tema è di argomento psicologico.
Preciso che il termine psicologico, in questo articolo avrà un’accezione particolare. Inizierò con il consigliare dei libri che possono ben essere inclusi nella categoria saggi di psicologia, quelli che trovate sicuramente sugli scaffali delle librerie.

Probabilmente vi aspetterete che chi suggerisce letture “psicologiche” inviti alla lettura di Freud, Jung, Lacan o di qualcuno dei vari “padri della psicoanalisi”.
Se guardando nella vostra biblioteca, noterete alcuni libri di questi autori (va bene qualsiasi edizione qualsiasi formato), nulla in contrario.
Dalla mia esperienza di conferenziere, so che molti ritengono che Freud sia “complicato”, Jung è o definito (anche da colleghi) come “l’oscuro” e Lacan semplicemente “criptico” o per utilizzare le parole di Umberto Eco: “adorabile, stregonesco, spietato. Un seduttore”
Le precedenti definizioni fanno capire come alcune opere di questi autori possano risultare davvero ostiche. Se volete tentare un approccio a questi autori non temete, avremo tempo nel futuro, consiglio però di cercare una specie di Virgilio (le letture potrebbero rivelarsi davvero infernali), mal che vada potete contattarmi tramite i commenti dell ” l’Eco di Savona” e farmi sapere (sempre per rimanere nel paragone) come è stata la vostra “discesa negli inferi”, quantomeno dell’inconscio.
Se volete evitare queste discese, segnalo un paio di opere introduttive, ormai li definirei dei classici, davvero alla portata di tutti, mi riferisco agli scritti di Pierre Dacò “Introduzione alla psicologia” e “Introduzione alla psicoanalisi”entrambi editi dalla B.U.R ( Biblioteca Universale Rizzoli).
Se proprio non volete rinunciare all’idea di approcciare ai testi dei padri della psicoanalisi direi di dare un’occhiata ai libri di alcuni successori davvero notevoli, sono (veri e propri post[eri]) Eric Fromm per l’area freudiana, James Hillman per chi preferisce Jung, e di leggere Massimo Recalcati (uno dei pochi lacaniani comprensibili) a chi vuole tentare di capire Jacques Lacan.
Chi ritenesse la psicoanalisi troppo complicata potrebbe virare su altri libri psicologici.
Sarete sorpresi di leggere “La caffettiera del masochista” di Donald Norman, edizioni Giunti. Non voglio togliervi il piacere della lettura, ma se vi trovate di fronte ad una porta e non sapete se spingere o tirare, se non avete la minima idea di come trovare la funzione sveglia sul vostro telefonino, Norman vi fornisce una risposta semplice e chiara: “Niente panico, non siete degli stupidi. Lo stupido è chi ha mal progettato quei dispositivi”.
Sempre come moderno libro di psicologia non trascurate Daniel Kanhneman. Nel suo “Pensieri lenti e veloci”, spiega la difficoltà che ha l’essere umano nell’applicare la sua razionalità. Non per nulla gli anno assegnato il premio Nobel nel 2002 .
Avevo detto che non avrei suggerito “saggi”, ma se leggerete Kanhneman, capirete come l’incoerenza appartenga ad ognuno di noi.
Presumo tutti sappiano che la psicologia nasce con l’uomo, ma per chi volesse leggere libri psicologici, scritti prima della “nascita della psicologia” (quella moderna e scientifica convenzionalmente nel 1879).
Mi pare doveroso iniziare in ordine cronologico con i dialoghi di Socrate, (scritti da Platone), fermatevi ai primi come l’Apologia o il Critone. Potreste poi dedicarvi a Sant’Agostoino e le sue confessioni, Montaigne e i suoi Saggi, Pascal e i suoi Pensieri. Gli ultimi due hanno scritto quasi in forma aforistica, stile ideale in questo periodo in cui magari figli, mariti o mogli girano per casa, non permettendo un lungo periodo di concentrazione. Se siete soli in casa per lungo periodo potete tranquillamente dedicarvi alla lettura di Fedor Michajlovic Dostoevskij, notevole psicologo. Ogni suo libro è consigliato, in particolare “Delitto e castigo.”
Riguardo a romanzi del Novecento, direi che sono stati meravigliosi psicologi Jorge Amado, donna Flor e i suoi due mariti, Garzanti, una specie di moderno Iliade sudamericano che vi farà innamorare del Brasile, del candomblè e di Vaudiňo e Dona Flor.
Se pensate di vivere un momento difficile, dedicatevi alla lettura di “Se questo è un uomo” di Primo Levi, Einaudi o di “Padiglione Cancro” di Aleksandr Solzenicyn, Newton Compton. Non c’è dubbio che chi abbia vissuto e superato il Lager nazista o il Gulag stalinista abbia conquistato sul campo il titolo di psicologo onorario.
Per finire, se volete condividere alcune letture con i vostri figli, non scordate le avventute di Pinocchio di Collodi o il Piccolo Principe di Antoine de Saint Exupéry, Bompiani. Magari penserete che sono letture per bambini, niente di meglio che leggerle insieme ai vostri figli per cambiare idea, d’altronde, condividerete con il Piccolo Principe  che: “Gli adulti non capiscono mai niente da soli ed è una noia che i bambini siano sempre eternamente costretti a spiegar loro le cose”.
Mi rendo conto che se voi aderiste a tutti i miei consigli di lettura, dovreste disporre di almeno un anno di ininterrotto soggiorno in casa. Come ha scritto Daniel Pennac tra i diritti del lettore esiste quello di smettere di leggere un libro se non vi piace: esercitatelo!.
Auguro a tutti buona lettura.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: