Attualità

Pensiamo al turismo…ma anche all’Europa

“Dobbiamo pensare alle misure per il turismo fin da oggi per essere pronti alla fine dell’emergenza, sia agevolando il rientro dei lavoratori nel sistema, sia con politiche di promozione che permettano alla Liguria di essere da subito attrattiva. Non ripartiremo certo da zero: in questi anni il turismo in Liguria è cresciuto, c’è sempre maggior consapevolezza dell’importanza economica del settore e dunque i presupposti per non perdere terreno ci sono, dando per scontato che le imprese e gli operatori abbiano dal Governo quel sostegno necessario per mettersi velocemente alle spalle la serrata”.
Così si esprime l’Assessore alle Politiche del Lavoro ed al Turismo,Berrino in merito alle difficoltà che sta attraversando il turismo, una delle principali risorse economiche della Liguria, ed ancora spiega: “In questa prima fase dell’emergenza la priorità è stata, ed è ancora, cercare di garantire il sostentamento dei lavoratori e delle aziende. La cassa in deroga, il bonus per le partite IVA e per gli stagionali non riassunti sono una prima parziale risposta. Molti sono gli emendamenti che abbiamo proposto, unitamente alle altre regioni, per sostenere il comparto, e auspichiamo vengano fatti propri dal governo”.

“L’Assessorato al turismo e l’Agenzia in Liguria in questi giorni sono in contatto continuo per organizzare a breve un tavolo di confronto con gli operatori del settore – afferma a sua volta il commissario di Agenzia In Liguria Pier Paolo Giampellegrini – il piano marketing che avevamo predisposto ed era già partito ad inizio 2020 andrà ovviamente ripensato.
Dovremo essere attrattivi da subito, inizialmente incentivando un turismo di prossimità rivolgendoci in particolare a Lombardia, Piemonte ed Emilia oltre che al turismo interno. Ma sarà nostro compito recuperare nel minor tempo possibile il posizionamento che la Liguria aveva in importanti mercati quali il francese, il tedesco e lo svizzero”.
Giuste affermazioni ed auspicio di speranza per la ripresa in cui tutti confidiamo, sia da parte del commissario Giampellegrini che dell’Assessore Berrino; vorremmo però ricordare a quest’ultimo, come più volte abbiamo condiviso le sue parole e le sue azioni e ne abbiamo sottolineato la validità, che non è di ammainare la bandiera dell’Unione Europea come gesto provocatorio per dire che non ci aiuta, che si può continuare a contare sull’afflusso del turismo europeo, specialmente tedesco; non si creda che in Germania tutti siano europeisti, come qui molti ritengono che noi siamo succubi della Germania, nel paese di Goethe e di Wagner tanti pensano che siamo noi a succhiare le risorse della UE; è un reciproco accusarsi di colpe e di responsabilità su un labile confine di consistenza e di inconsistenza…ma se non si guarda all’Unione Europea, non so quanto si potrà contare sui russi e sui cinesi, per il rilancio! Per ritornare alle questioni europee ora è in corso un dibattito, per uscire dalla crisi, anche duro e senza mezzi termini, ma per andare avanti e trovare il sistema migliore che trovi tutti d’accordo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: