Attualità

Calciando in rete – Semifinali di ritorno della Coppa Italia : il simbolo della rinascita

Il mondo del calcio non intende fermarsi, nonostante l’emergenza a causa del Coronavirus. L’idea della Lega Serie A è quella di riprendere il prima possibile le gare. Sia che il campionato inizi con precedenza rispetto all’Europa, sia che la ripresa venga effettuata in parallelo con Champions ed Europa League, l’idea è quella di riprendere le partite con il ritorno delle semifinali di Coppa Italia. I match ovviamente sarebbero trasmessi in chiari, come previsto. Restano da disputarsi i match di ritorno della coppa nazionale. Secondo indiscrezioni ci sarebbe una particolare idea: disputare entrambe le sfide (Napoli-Inter e Juventus-Milan) allo stadio San Paolo di Napoli. Chiaramente il tutto – se confermato – avrebbe luogo solo in presenza delle adeguate garanzie di sicurezza. Ma l’obiettivo che si sono prefissati i vertici del calcio italiano è chiaro: provare a organizzare le due partite in tempo per il 27 o 28 maggio, rigorosamente senza pubblico sugli spalti. Potrebbe essere la Coppa Italia a far ripartire la stagione. Intanto prende corpo di spostare diverse gare nelle zone del Centro-Sud.Far ripartire la stagione non appena ci saranno le giuste garanzie di sicurezza. E’ questo il grande obiettivo che i vertici del calcio italiano si sono prefissati e non è da escludere che il pallone possa tornare a rotolare già entro la fine di maggio.La prima partita dopo il lungo stop che si è reso necessario a causa della pandemia, si giocherà con ogni probabilità al San Paolo. Nel corso dell’ultima riunione che si è tenuta in call conference in sede di Lega Serie A, si è individuata nella Coppa Italia una sorta di prova generale prima in vista della ripresa del campionato. Qualora dovesse arrivare il via libera da parte del governo, la semifinale di ritorno Napoli-Inter, potrebbe rappresentare un importante appuntamento per collaudare, al pari di Juventus-Milan (anche per questa sfida si sta facendo largo l’ipotesi San Paolo come sede), il nuovo protocollo sanitario.Ovviamente entrambe le partite si disputerebbero rigorosamente a porte chiusee la speranza è quella che la prima delle due sfide si possa giocare il 27 o il 28 maggio. I prossimi giorni saranno quelli decisivi per l’ok definitivo da parte del Governo, ma ovviamente tutto dipenderà dall’evoluzione della situazione.Intanto, la Federcalcio vuole farsi trovare pronta ed ha già ipotizzato lo spostamento di alcune partite di campionato al Sud, ovvero la zona del nostro Paese che al momento garantirebbe maggiore sicurezza. A confermare come tale ipotesi sia effettivamente in fase di valutazione, anche le parole rilasciate da Walter Ricciardi. Il consigliere del ministro Speranza, membro del consiglio esecutivo dell’Oms econsulente del CONI, ha spiegato.
“Differenziare le aree per livello di rischio è giusto e stiamo proponendo di giocare al Centro-Sud, dove non c’è stata l’esplosione terribile del Nord. Noi suggeriremo di prendere provvedimenti diversi a seconda delle aree geografiche. Non ha senso vietare le attività in zone come la Basilicata. La Campania ha reagito molto bene, c’è qualche preoccupazione in più invece per la Puglia”.In settimana dopo la riunione dei vertici si saprà il verdetto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: