Attualità

Come, quando finirà la quarantena

DI PINO ROSSO

Il dibattito per la riapertura, la ripresa delle attività si fa sempre più intenso e spesso più che un discorso tecnico, programmatico, diventa uno scontro politico, mentre pare che gli accertamenti sierologici non siano così affidabili, il Governo aspetta un responso dalla Commissione Scientifica Per interrompere “le confinament” come dicono i Francesi, che sono arrivati quasi al nostro punto, forse è ancora un po’ presto, per non correre rischi di avere ritorni del virus come avviene in Cina.. Per fortuna cresce il numero dei guariti, ridotti i ricoveri, mentre UE, discute e ridiscute varie filosofie su eurobond sì, no, il Presidente del Consiglio Conte cerca di fare la voce grossa, con Francia che fa da grande mediatore, per una mezza soluzione. Nulla è cambiato, intanto è crollato un altro ponte; meno male con strade vuote per il virus, ma si può dire che siamo alla rivincita della Scienza sui ciarlatani. Intanto a Seattle (Stato di Washington) è iniziata la sperimentazione sull’uomo di un nuovo vaccino e noi non abbiamo bisogno della pacca sulla spalla per stare in casa, anche se notevole la differenza se casa di 30mq o 200mq.Non possiamo affidarci in toto alla dea Fortuna. Serve una programmazione: come quando perché finita la quarantena ad esempio sui trasporti con gli spazi, le distanze interpersonali Utile poter anche uscire 200mt, (in Francia molti di più) In Germania Ospedali con ricettività polivalente adattabile Importante sapersi districare a tempi brevi, nella più ampia casistica per le positività, anche se per ora l’assistenza si è fatta in quattro e molti Operatori Sanitari hanno pagato di persona, con la vita Un segnale importante, un tecnico Pc che ritira esemplari dismessi, meglio se portatili, per ripristinarli e donarli, su segnalazione Scuola, a ragazzi che non ne possiedono per lezioni online ed a Milano interessante la ripartenza dei lavori per la metro 4. Ora basta cincischiare, altrimenti restiamo al rinvio, al susseguirsi di decreti. Le mascherine servono o non servono, se sì, almeno metterle a disposizione, sul mercato, anche se basterebbe una coppa di reggiseno 2ͣ misura. Dopo la fase 1 (snidare, conoscere, combattere) il virus, cui siamo stati sottoposti, pesante, fastidiosa, senza riuscire ad arrivare alla soluzione, in questo immobilismo, tra il mezzo detto e mezzo nascosto, tutto torna come prima, nessuna regola o mascherina, distanza, niente riunioni, assembramenti, forse moriranno in tanti, resteranno i forti, gli eletti La burocrazia è il nostro male inguaribile, nel 1800 Cavour, nel 1900 Mussolini, De Gaspari e Bersani si sono impegnati per la semplificazione, nulla di fatto siamo ancora a livello feudale. Per il momento meno gente, meno auto in giro e forse impariamo ad amare, apprezzare di più la vita, anche se restare isolati è pesante Fase 2 sarebbe convivenza con il virus, allentando un po’ le regole per le attività lavorative, pur senza abolirle tutte, (ma non basta aprire solo cartolerie e librerie), per arrivare lentamente alla fase 3, normalizzazione. Intanto il Governo ha ricevuto via libera per il rinvio delle elezioni amministrative in 7 Regioni e oltre 1000 Comuni. Dopo timore, ansia, stress, choc iniziale, bisogna reagire, portare la mente che ci governa a cambiare i gesti quotidiani. In questo noi siamo tornati alla famiglia primordiale, l’uomo cacciatore va a cercare cibo (col carrello al Supermercato), invece la donna, si riappropria, resta a casa. Non potendo andare in palestra o in campo che fare? Prima reazione di difesa mentale per sminuire, poi obiettivi reali, performance per migliorare e tornare a vincere la gara Ripartire, dopo la crisi serve la rinascita, nuovi rapporti umani crescere, migliorare Prima prendersi cura del corpo, smaltire le tossine, cercando di dormire bene per recuperare, con gradualità, tenendo ben conto se trattasi di soggetto allenato, non allenato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: