Attualità

Covid 19: via ligure al battibecco

Non cessano le discussioni tra Maggioranza ed Opposizione in Regione,; Raffaella Paita, deputato alla Camera ora del gruppo “Italia Viva”,  a Roma pertanto in maggioranza, così ha oggi dichiarato: “Oggi ho discusso le mie interrogazioni sulla vicenda della gestione Covid-19 in Liguria nella commissione parlamentare sanità. Nella risposta fornita dalla sottosegretario Zampa vengono citati i seguenti atti  del d.p.c.m. del 4 marzo 2020, anche per Regione Liguria è stata prescritta la rigorosa limitazione di accesso dei visitatori agli ospiti nelle strutture di ospitalità e lungo degenza, rsa, hospice, strutture riabilitative, strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, quale fondamentale misura di prevenzione al contagio”.

“Sempre la sottosegretario Sandra Zampa ha citato il documento ‘Indicazioni ad interim per la prevenzione e il
controllo dell’infezione da Sars-Covid-2 in strutture residenziali sociosanitarie’ (Rapporto ISS Covid-19 n.4/2020). Tale documento, come dimostrano le sue parole, è stato trasmesso anche alla Regione Liguria con circolare n. 13468 del 18/04/2020 dal Ministero della Salute. La circolare prevedeva misure generali per ‘il rafforzamento dei programmi e dei principi fondamentali di prevenzione e controllo delle infezioni correlate all’assistenza, inclusa una adeguata formazione degli operatori’. Inoltre, Zampa ha citato la circolare 11715 del 3/04/2020, sull’aggiornamento delle indizioni sui test diagnostici e sui criteri da adottare nella determinazione delle priorità, in cui si legge che ‘l’esecuzione dei test venga assicurata a operatori sanitari e assimilati a maggior rischio’”.

“Tali atti dimostrano che la Regione Liguria era nelle condizioni di seguire le indicazioni che sono state puntualmente previste dal Ministero. Per questa ragione la sottosegretario ha dato notizia che la task force dell’Unita di Crisi istituita dal Ministero della salute ha effettuato verifiche ispettive presse le Rsa di diverse regioni in riferimento a situazioni di contagio/decesso e che proseguiranno presso tale tipologia di strutture assistenziali territoriali al fine di fare luce su eventuali criticità organizzative/strutturali e di sicurezza che abbiano potuto rappresentare situazioni concorrenti al diffondersi del contagio tra i degenti e tra questi e gli operatori sanitari e di verificare, nel contempo, se le misure adottate dalle regioni in materia di strutture socio sanitarie residenziali siano state e siano aderenti a quanto dettato dalle predette circolari emanate dal Ministero della salute”.

Non ha tardato a pervenire la risposta della Vicepresidente della Regione e Assessore alla Sanità, Sonia Viale, che così ha replicato:

“Non riuscendo a far prevalere le loro ragioni sul territorio, le forze di opposizione cercano di portare un presunto ‘caso Liguria’ in Parlamento. Trovo inopportuno e masochista rappresentare una situazione sanitaria nella nostra regione che non corrisponde alla realtà. Il nostro dovere è fare e fare sempre meglio, non riconcorrere un’opposizione impreparata che, anzi, sottrae tempo ed energie preziose agli uffici per precisare, ad esempio, che il tasso di mortalità in Liguria non è del 14,22%, come scrive l’onorevole Paita nella sua interrogazione con una superficialità sinceramente non ammissibile: questo corrisponderebbe a 220 mila morti quando, invece, il tasso di mortalità standardizzato in Liguria è inferiore a quello di Lombardia ed Emilia Romagna. Oppure per precisare, a differenza di quanto sostiene il Movimento Cinque Stelle, che il numero dei decessi non è correlato al numero di tamponi eseguiti, effettuati secondo protocolli definiti e aderendo alle indicazioni nazionali pervenute”.

“Le Regioni a guida centrodestra  avrebbero molti motivi per contestare quotidianamente la gestione sanitaria e degli approvvigionamenti di Dpi da parte del governo, ma, per serietà e leale collaborazione, nella consapevolezza della portata di una pandemia che ha travolto i sistemi sanitari mondiali, non lo fanno avendo posto come obiettivo principale quello della cura delle persone e non di una campagna elettorale permanente. La sanità ligure ha attivato in pochi giorniun numero di posti letto di media e alta intensità tra i più elevati in Italia  riuscendo in questo modo a garantire cure appropriate a tutti coloro che ne avevano bisogno. È noto a tutti che si tratta della regione più anziana d’Europa: tutti gli epidemiologi concordano nel ritenere che questa circostanza vada tenuta in considerazione per ‘standardizzare’ il tasso di mortalità. Eppure i parlamentari di Italia Viva e Movimento Cinque Stelle, che a Roma siedono in maggioranza e in Liguria sono all’opposizione pensano di poter farecampagna elettorale sulla pandemia, attraverso richieste di ispettori, diffusione di dati raffazzonati, se non addirittura sbagliati, interrogazioni e polemiche”

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: