Attualità

Si approfitta di tutto per sollevare antieuropeismo

Oggi circola sul web un’altra storiella della categoria “mezza verità-mezza fake news”, su cui i giornali, anche i più prestigiosi e seri – o presunti tali –  si sono buttati a pesce, come non avessero aspettato altro!

E’ capitato, ieri, che il premier olandese Mark Rutte, fosse in visita ad uno stabilimento per il trattamento dei rifiuti; mentre si allontanava, con indosso, sopra l’abito, il debito giubbino rifrangente, un addetto all’impianto, definito, dai giornaloni che devono aver accolto la notizia come una vera festa, un po’ come un netturbino, un po’ come un operaio, un po’ come un autista, fra il lusco e il brusco, come ben si vede nel filmato, diffuso tra l’altro dall’olandese Nos – un’emittente nazionale  dei Paesi Bassi – , gli si è rivolto e gli ha detto, a voce alta, e sul filmato si vede la frase in olandese. “…per favore non dare – alsjeblieft, è, in olandese, una forma confidenziale, pertinente al -tu- per dire appunto per favore – soldi agli italiani ed agli spagnoli”; il premier, che si vede di spalle, ha alzato la mano a pugno col pollice levato – attitudine di origine americana ormai nella gestualità comune anche da noi – e gli ha risposto qualcosa, forse di compiacente; il tutto in dodici secondi di video, dove compare scritta  la frase dell’interlocutore, non compare la risposta di Rutte, mentre qualcuno ride, lui compreso forse e tutto sembra più un breve siparietto imprevisto pure dallo stesso premier e forse non preso più sul serio di quando da noi qualcuno si scatena contro altri partners europei, più istintivamente che a ragion veduta! Come risponderebbe il Presidente del Consiglio Conte, durante una rapida visita ad un qualche sito, se qualcuno gli si avvicinasse e gli dicesse: “..manda a fan …. i tedeschi e gli olandesi”, se non con una battuta un po’ compiacente e veloce? Eppure questi dodici ed insignificanti secondi, sono bastati a talune testate per intentare un processo all’Unione Europea e per far scatenare i soliti commentatori del web che non trattengono nessun livore e nessun insulto potendo pure, e questo è grave, sentirsi legittimati ad alimentare dell’odio!

Un video che la dice lunghissima, più di mille analisi ed articolesse, circa il tizio con cui abbiamo a che fare: un premier che sghignazza con un camionista al grido di -non diamo soldi agli italiani-. Un video che spiega nel giro di pochi secondi che razza di roba sia questa Unione europea.” Cosi si legge su “Libero Quotidiano”, a commento, come se quasi settant’anni di cammino europeo comune, – nel 2021 tanto sarà il periodo dall’accordo CEca – potessero essere liquidati da un video cretino, siamo sinceri, come quello che è stato diffuso!

Certo l’antieuropeismo non si alimenta solo di video discutibili, ma di tutta una serie, anche pertinente e ragguardevole, di ragionamenti economici, monetari, geopolitici, più efficaci però sul piano dell’ipotesi che non a riscontro dei fatti come poi si delineano, o col riferire altri e certo più seri interventi giornalistici, televisivi e politici, da paesi dell’Unione, che attaccano il nostro Paese, come da noi c’è chi attacca l’Unione europea, come si è visto, oppure chi attacca, di volta in volta, la Francia, la Germania, l’Olanda, il Belgio, e cosa non si è detto contro quest’ultimo Paese  – forse perchè ospita le Istituzioni Europee? –  quando si è trovato al centro di qualche grave crisi, negli ultimi anni; talvolta, a mente lucida,  non si sarebbe compreso se prevalesse la falsità o la stupidità di ciò che si leggeva, ma ci sarebbe da aprire una parentesi ad hoc, ma non è e non sarà il momento!

Per quanto riguarda gli accordi economici per l’emergenza Covid,di cui, a livello comunitario,  si sta discutendo, e se ne parla troppo e sempre per ipotesi, prima che siano realmente conclusi, il premier olandese Rutte viene definito “falco”, per certe posizione che ha preso ma, se, col suo amico dell’impianto di smaltimento rifiuti, lo facesse per odio verso l’Italia, come qualcuno da noi odia l’Olanda,  in ogni caso non è lui l’Unione Europea, come viene spacciato dagli antieuropeisti e come  va messo ben in rilievo, ne è solo una parte, che può dire la sua ma in un contesto di cui anche noi facciamo parte e dove possiamo dire la nostra;  è questo che sfugge agli antieuropeisti che, se sperano di trovare altrove, magari nella Russia di Putin , una valida alternativa, si sbagliano di grosso!

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: