AttualitàDiritto... e rovescio

Diritto e…Rovescio a cura dell’avvocato Cristina Anelli

Buongiorno a tutti,  oggi parleremo del BONUS BABY SITTER.

A seguito della decisione assunta dal Governo a causa dell’emergenza covid-19, le scuole rimarranno chiuse almeno sino al mese di settembre.   Come misura di aiuto alle famiglie, lo Stato ha previsto, tra gli altri, il Bonus baby sitter le cui modalità di erogazione sono contenute nella circolare numero 44 del 24 marzo 2020 che prevede:

  • il voucher di €. 600,00.=viene erogato dall’INPS previa domanda (la misura, però, può essere fruita solo in sostituzione ai congedi parentali);
  • potrà essere usato per pagare le prestazioni delle baby sitter che si sono tenute a partire dal 5 marzo 2020 (giorno in cui le scuole sono state chiuse su base nazionale);
  • destinatari della misura sono i genitori di bambini di età inferiore a 12 anni alla data del 5 marzo 2020 (in caso di figli con disabilità non c’è il limite d’età, purché essi siano iscritti a scuole di ogni ordine e grado oppure ospitati in centri diurni a carattere assistenziale);
  • spetta anche in caso di adozione e affido preadottivo;
  • può essere richiesto dalle famiglie solo in alternativa al congedo parentale;
  • potrà servire solo per pagare baby sitter regolarmente assunte;
  • verrà erogato tramite il  libretto famiglia;
  • anche le baby sitter dovranno registrarsi sulla piattaforma INPS come prestatori si servizi occasionali.

Nel dettaglio, il bonus spetta sia ai lavoratori dipendenti del settore privato, ai lavoratori iscritti in via esclusiva alla Gestione separata INPS, ai lavoratori autonomi (iscritti e non all’INPS, ma nell’ultimo caso subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali).

Tre le modalità con cui si potrà fare domanda per il bonus baby sitter.

  • via WEB, dal sito inps.it avendo a disposizione il proprio PIN;
  • chiamandoil Contact Center Integrato al numero verde 803.164 gratuitamente da rete fissa, oppure al numero 06 164.164 da cellulare, pagando in base alla propria tariffa;
  • attraverso i patronati.

Il genitore beneficiario del bonus baby sitter ha 15 giorni di tempo per procedere alla cosiddetta appropriazione telematica dell’agevolazione.

I 15 giorni scattano dal momento in cui arriva la comunicazione di accoglimento della domanda, tramite il canale indicato dall’utilizzatore stesso (SMS, mail o PEC).

Oltre il limite di tempo indicato si decade dal beneficio.

Alla baby sitter verrà pagata una somma pari a 10 euro complessivi all’ora, comprendente anche una parte di contributi.

La bozza del decreto legge di aprile-maggio prevede che vi sia la proroga del bonus baby sitter, estendendolo anche a servizi educativi territoriali, centri ricreativi e servizi per la prima infanzia, con un aumento ad €. 1.200,00.= e ad €. 2.000,00.= per medici, infermieri ed operatori sanitari.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: