Attualità

CENGIO: il ricordo di Renzo Faccio



Non si riesce a scrivere in maniera professionale e distaccata quando ti chiedono il pezzo sulla persona che se ne è andata quando lo stesso era un caro amico di famiglia…
Oggi Cengio ha perso non solo un uomo ma una figura, conosciuta da tutti. Renzo Faccio, ex ferroviere, classe 1949 (proprio come il mio papà di cui fu compagno quando ancora a Cengio stazione esisteva l’avviamento come tipo di scuola, e qualcuna, insieme la hanno anche combinata…) si è spento oggi all’età di 71anni. Vice sindaco in anni passati, fino alla giunta Marenco, nonché assessore ai lavori pubblici ma soprattutto partecipe, insieme alla moglie Ileana, in anni passati, alle varie manifestazioni del suo paese. Il mio primo ricordo, da piccina, risale alle cucine del famoso “Cengio in festa”, lui dietro al banco, col grembiule e i pentoloni giganti di alluminio. Era una presenza fissa in quegli anni, prima che si dedicasse alla politica, in anni successivi. Renzo è stata una di quelle persone con cui era facile “battibeccare” perché portava sempre la sua opinione , a discapito di tutti, per questo o lo amavi o lo odiavi, ma pochi, come lui, hanno rivestito la sua carica in tutto e per tutto. Non erano rare le volte in cui potevi incontrarlo per la strada a togliere erbacce, intervenire direttamente e supervisionare i lavori alle strade, ai luoghi pubblici, al suo paese. Quante volte lo si poteva incontrare sul trattore mentre scendeva giù da Rocchetta di Cengio, o a piedi, per il paese, ascoltando anche i consigli e le critiche, come fece anche con me quella volta che gli feci notare che nel tragitto dalla posta al campo sportivo non v’era un bidoncino per lasciare i bisogni degli animali, ricordo che mi ascoltò, sorrise e mi disse “T’ei propri na bestia grama”, sorridendo, e poi, come per magia, 2 giorni dopo a metà percorso apparve un nuovo bidoncino. Sorrisi. E qualche giorno dopo sbucó in negozio, dove lavoravo, (solo con la testa, un’incursione al volo) e, sempre sorridendo sotto i baffi, mi disse “Sei contenta? Lo abbiamo messo” “eh era ora” risposi con finto tono burbero, sorridendo anche io. E quello, da lì in poi, fu il nostro accordo ridicolo per salutarci, io ero la “bestia grama” e lui il polemico con cui potevo parlare di tutto, anche lamentandomi. Cengio piange una persona vera, di quelle che non ne trovi tante nel mazzo, un amico, un padre, un marito, un fratello.
Ti porteremo nel cuore (ma adesso con chi mi lamenteró come mi concedevi, scherzosamente, di fare tu???…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: