Attualità

Calciando in rete – La situazione dei campionati di calcio in Europa

A livello europeo la situazione circa le misure intraprese dai vari governi e rispettive federazioni in relazione ai campionati di prima serie è molto eterogenea.Si è ripreso a giocare anche in Repubblica Ceca e Ungheria. Mentre, tra gli altri, Francia, Olanda, Belgio e Scozia hanno già cancellato la stagione. L’annuncio della ripartenza in Spagna e Portogallo potrebbe accelerare in tal senso le decisioni in Italia e in Inghilterra. 
La Liga spagnola infatti è il secondo grande campionato europeo di calcio, dopo la Bundesliga, ad annunciare la ripresa delle partite sospese a causa dell’emergenza da Covid-19. Il governo di Pedro Sanchez ha dato il via libera per la ripartenza nella settimana dell’8 giugno e ora la data più gettonata per la ripartenza sembra essere venerdì 12 giugno con in programma il derby di Siviglia tra i biancorossi e il Betis. Anche il campionato portoghese di conseguenza ha annunciato oggi la ripresa dei match anticipando il primo fischio d’inizio a mercoledì 3 o giovedì 4 giugno quando scenderà in campo la capolista Porto contro il piccolo Famalicao. Ma quali sono i campionati che hanno decretato la fine delle ostilità e quali quelli che riprenderanno tra fine maggio e giugno? In Premier League (Inghilterra) la volontà sembra quella di voler tornare a giocare ma non tutti le questioni legate alla sicurezza sono state superate. I club continuano a trattare e la sensazione generale e che si possa riprendere intorno alla metà di giugno. In testa alla classifica c’è saldamente il Liverpool di Klopp che attende di festeggiare un titolo rincorso per vent’anni. In Italia c’è un cauto ottimismo per una ripresa della Serie A dopo le aperture del governo e del ministro Spadafora e dopo la pubblicazione del protocollo per la ripresa degli allenamenti delle squadre professionistiche. Anche in questo caso non c’è ancora l’ufficializzazione ma la data più gettonata per il riavvio del campionato sarebbero quelle del 13 o del 14 di giugno.
Diverse partite si sono già disputate in Estonia e nelle isole FarOer. Alle 18 è ripreso il campionato in Repubblica Ceca con la sfida tra Teplice e Liberec mentre il 27 maggio torneranno in campo anche Slavia Praga e Viktoria Pilzen che si stanno contendendo il titolo. Anche in Ungheria oggi è stata la data del nuovo inizio con la vittoria della capolista Ferencvarossul Debrecen.  In Danimarca si ricomincia il 28 maggio mentre in Polonia il 29 maggio. Il giorno dopo sarà invece il turno della Serbia dove campeggia l’eterna sfida tra Stella Rossa e Partizan.
Il 2 riaprirà i battenti il campionato austriaco con il Salisburgo in cerca di una rimonta nei confronti del sorprendente Lask. Oltre al già citato Portogallo, si torna a giocare tra il 3 e il 6 giugno in Slovenia, Montenegro, Croazia e Grecia. Previsto per il 12 giugno il fischio d’inizio delle partite in Turchia dove Trabzonspor, Basaksehir, Galatasaray e Sivasspor sono racchiuse in 4 punti. Gli occhi sono puntati su Istanbul dove, se confermata, si dovrebbe giocare la finale di Champions League. Oltre a Italia e Inghilterra, a metà mese ripartono anche Norvegia, Svizzera e Russia. Ultima potrebbe essere la Finlandia che ipotizza il rientro il primo di luglio. La Francia invece ha già fermato le attività e decretato campione il Psg. La Ligue 1 è oggi l’unico, tra i cinque principali campionati europei, ad aver preso una decisione di questo tipo. Cancellate anche le stagioni di altri Paesi come Olanda, dove l’Utrecht ha già annunciato battaglia in tutte le sedi, Belgio, Cipro, Galles, primo storico scudetto per i Connah’s Quay Nomads, Gibilterra e Scozia, dove è stato incoronato il Celtic Glasgow.Come vedete il panorama è variegato e fantasmagorico, altro che uniformità di vedute e di giudizi. come avvenuto in suolo nazionale con le Regioni, ognuno in tempo di Covid 19 sembra andare per suo conto!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: