Attualità

Minneapolis, Stati Uniti: shock il caso di George Floyd

“Please I can’t breathe officer. Everything hurts. You’re going to kill me” (“Agente per favore, non respiro. Ho dolore ovunque. Mi state uccidendo”) queste le ultime parole da brividi di Geroge Floyd: l’uomo aveva 45 anni e lavorava come buttafuori in un ristorante, chiuso da marzo a causa dell’emergenza covid-19. Due fra i quattro agenti presenti, l’ufficiale Derek Chauvin e il collega Tou Thao, dopo una segnalazione del proprietario di un minimarket ai danni di George, accusato di fare utilizzo di banconote false, controllano e in seguito arrestano l’uomo intorno alle 20:00 del 26 maggio,rendendosi protagonisti della vicenda. Gli agenti procedono con l’arresto in modo violento e dannoso, creando scompiglio e chiamando l’attenzione di numerose persone che, prontamente e fortunatamente, cominciano a filmare la scena.Dopo aver ammanettato George, apparentemente tranquillo e “collaborativo”, l’uomo viene posizionato faccia a terra ed immobilizzato da Derek Chauvin, che dopo avergli bloccato le braccia, comincia a eseguire una forte pressione sul collo dell’uomo.Subito dopo alcuni istanti si capisce chiaramente che l’ufficiale sta esagerando, tanto da causare una perdita di sangue dal naso di George e scatenando le prime accese proteste dei passanti. Col passare dei minuti, il collo dell’uomo comincia ad assumere posizioni non naturali, fino a rompersi portandolo alla morte: invane le sue strazianti urla e richieste di aiuto rivolte agli agenti. Secondo la versione fornita dalla Minneapolis Police Department, l’uomo è stato arrestato, in
seguito una segnalazione, perchè sotto effetto di droga ed alcol. Si aggiunge inoltre, che Floyd si sarebbe opposto all’arresto. Per sfortuna degli agenti, i numerosi video dei passanti, divenuti virali su tutti i social, oltre che
alle telecamere di sicurezza di un ristorante, evidenziano come non sembra esserci stata alcuna resistenza da parte dell’uomo all’azione degli agenti. Scavando negli archivi, i media anglosassoni hanno analizzato il profilo dei due agenti protagonisti: Il poliziotto che tiene il ginocchio sul collo di Loyd, Derek Chauvin, 44enne in
servizio da quasi vent’anni, era finito sotto indagine per una sparatoria con morti nel 2006. Lo scrive il Daily Mail. L’altro uomo coinvolto, Tou Thao, avrebbe patteggiato una sanzione di 25mila dollari per uso eccessivo della forza tre anni fa.Di conseguenza, nei giorni successivi al disastro, si sono accese rivolte, manifestazioni e proteste sul razzismo, considerata la causa dell’accaduto. Numerosi personaggi famosi hanno alzato la voce cercando giustizia: tra i più noti Madonna, Justin Bieber e in primis Lebron James, stella della NBA, che attraverso i social ha espresso tutto il suo disgusto nei confronti dell’accaduto: nei giorni seguenti infatti, il campione del mondo del basket durante gli allenamenti è stato immortalato mentre indossa una maglia con scritto “I can’t breathe”, divenuto ormai lo slogan dei movimenti di protesta nati di conseguenza a questo terribile
episodio. Purtroppo il seguente è solo l’ultimo dei casi che testimonio l’eccessivo strapotere della divisa in
determinate aree del mondo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: