Diritto... e rovescio

Diritto e …Rovescio a cura dell’avvocato Cristina Anelli

Buongiorno a tutti,

oggi parleremo del “bonus bici”, le cui istruzioni per ottenerlo dovrebbero arrivare a breve. Il ministero dell’Ambiente ha preparato, infatti, una bozza del decreto attuativo che regola l’erogazione del bonus ed il cui testo è ora all’esame dei Ministri dell’Economia e delle Infrastrutture: ci si augura che il DM attuativo venga pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale entro la fine del mese di luglio. In realtà, il “bonus bici” è stato istituito nell’autunno 2019 ma non è mai stato pienamente avviato e, nel frattempo, è stato modificato dal decreto legge Rilancio del 2019 per adattarlo alle esigenze legate all’emergenza coronavirus. Potranno usufruire del buono mobilità i maggiorenni che hanno la residenza nei capoluoghi di Regione o di Provincia, nei Comuni con più 50.000 abitanti e in quelli delle Città metropolitane. Si potrà godere del contributo – fino ad esaurimento dei fondi stanziati a copertura, pare circa 120 milioni di euro – attraverso un’applicazione web che sarà accessibile anche dal sito del Ministero dell’Ambiente entro 60 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta del decreto attuativo. L’app servirà sia ai Clienti per registrarsi e quindi chiedere il bonus o il rimborso, sia ai negozianti per accreditarsi e quindi concedere direttamente al Cliente uno sconto pari al bonus. Ma per registrarsi occorrerà munirsi di identità digitale, il cd SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale. Per gli acquisti di biciclette, monopattini o altri mezzi di propulsione elettrica (escluse le autovetture) effettuati dal 4 maggio 2020 in poi, si avrà diritto ad un contributo pari al 60% della spesa sostenuta, fino ad un massimo di 500,00 euro, previsto dal decreto Rilancio. Fino al giorno in cui sarà resa disponibile l’app sarà necessario conservare la fattura, la cui copia dovrà essere allegata per chiedere il rimborso e, al momento della registrazione sull’app, bisognerà indicare altresì il codice Iban del conto corrente sul quale i soldi dovranno essere accreditati. Dal giorno di inizio di operatività dell’applicazione web, è previsto invece lo sconto diretto da parte del fornitore sulla base di un buono di spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web, su cui sarà pubblicato l’elenco di tutti i negozianti aderenti all’iniziativa. I buoni di spesa andranno utilizzati entro 30 giorni, pena l’annullamento. Il buono può essere richiesto una sola volta per l’acquisto di un solo bene o servizio tra questi: biciclette nuove o usate (sia tradizionali che a pedalata assistita), handbike nuove o usate, veicoli nuovi o usati per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica (per esempio monopattini, hoverboard, segway) e servizi di mobilità condivisa ad uso individuale esclusi quelli mediante autovetture (scooter sharing, bike sharing). Non è previsto, invece, alcun contributo per l’acquisto di accessori (caschi, batterie, catene, lucchetti). Il Programma prevede per l’anno 2020 l’erogazione di buoni mobilità senza la necessità di rottamare veicoli vecchi mentre da gennaio 2021 si potrà ottenere il buono (da spendere in questo caso entro dicembre 2024) solo a fronte di una rottamazione. I due bonus sono cumulabili.

Avv. Cristina Anelli

Per ulteriori informazioni: avvcristina.anelli@libero.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: